username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Simona Bertocchi

in archivio dal 30 ago 2013

21 maggio 1968, Torino - Italia

segni particolari:
Ho pubblicato 5 libri editi spaziando dalla poesia al romanzo, alcuni testi sono giunti alla seconda edizione. Collaboro saltuariamente con case editrici, organizzo eventi culturali. Sono impegnata nel sociale con associazioni a difesa delle donne. Appassionata di tango e  viaggi.

mi descrivo così:
Nata a Torino, toscana di adozione, scrittrice e bulimica lettrice, appassionata di tango, viaggi e cinema in bianco e nero, arte. Sono impegnata con associazioni a difesa della donna. Il prossimo libro sarà ambientato nel primo Rinascimento..

30 agosto 2013 alle ore 13:00

Lola Suárez

di Simona Bertocchi

editore: Giovane Holden Edizioni

pagine: 288

prezzo: 15.00 €

Acquista `Lola Suárez`!Acquista!

Lola Suàrez, giovane donna che beve rum e fuma il sigaro, che percorre la vita attraverso ricordi, sfide e gallerie d’arte, che s’incanta e si lega ad un quadro che racchiude la sua origine, continuità, speranza… 
Donna, femmina tanghera, artista, incarta la poesia con la musica e dipinge il passato nel presente. Simona Bertocchi, Lola Suàrez… che dire? Un romanzo di vita, un trascorso in  pagine di storia, un giallo che non smorza mai le sue tinte ma le rinnova ad ogni pagina, in ogni meticolosa, accurata descrizione di personaggi ed eventi, spolverando e risollevando polvere sulla Storia che vede un’Argentina martoriata dalla dittatura che ha inferto profonde, insanabili ferite e al grido di "Nunca Mas": "Mai più", si rinnova la forza, per non dimenticare…
L’autrice, Simona Bertocchi, fa danzare il romanzo attraverso una scrittura elegante, scorrevole ed armoniosa che percorre le ramblas di Barcellona accompagnata da una fragranza d’ambra e  dal suono di un tango che nasconde una fisarmonica nel cuore e non disdegna di condurre il lettore ad immergersi tra dolorosi percorsi, carichi di “umanità cancellata” e racchiusa in un solo nome: desaparecidos.
Lola Suàrez vive la sua contemporaneità a trecentosessanta gradi tra arte, amore, inganni e speranza, cavalcando i ricordi dell’infanzia aiutata da Diego, suo padre, senza mai arrendersi e naviga senza sosta rincorrendo la sua idea che si fa sempre più reale, quella che suo fratello Julio, desaparecido, possa essere vivo…
Leggere un romanzo così intenso, con un finale colmo di intrecci, crea al lettore la sensazione di aver intrapreso un avventuroso viaggio alla scoperta di celate preziose realtà.
“Che colore ha la poesia?”
Il “lunfardo, il caminito”… cosa sono?
Solo divorando le pagine che l’autrice ha impastato come creta per far uscire un’opera d’arte, incidendo con forza, armonia e dovizia di particolari ogni elemento, attraversando il mondo con gli occhi del suo intrigante personaggio, Lola Suàrez, il lettore avrà modo di scoprirlo…

recensione di Fiorella Cappelli

Commenti
  • Emilio Basta Grande, Delicata Poliedrica Autrice dalle doti non comuni; le sue recensioni suno una pennellata del contenuto dei volumi che presenta tanto da dare la sensazione di aver GIa' letto il contenuto del volume dell'Autore. Complimenti Fiorella Cappelli sei grandiosa. emilio basta

    05 settembre 2013 alle ore 10:04


  • Fiorella Cappelli Grazie per il commento Emilio ma non potrei mai fare una recensione senza aver letto prima attentamente un libro. Presentare e recensire un libro senza averlo prima letto non è professionale ne pagherebbe le conseguenze la riuscita della presentazione ed il buon nome di chi la fa.

    06 settembre 2013 alle ore 11:49


  • Simona Bertocchi cara Fiorella, hai presentato il mio libro in modo impeccabile, con testa e cuore. Da piccoli particolari che citi capisco che lo hai letto con attenzione . Grazie per il rispetto innanzitutto. Ogni opera per un autore richiede la gestazione e il parto . Ho trattato argomenti forti che hanno richiesto documentazione e con non poca difficoltà ho romanzato la trama per non farla stagnare nel periodo del golpe e l'ho tramutata in un giallo .... grazie per avere capito il mio percorso e la mia emozione alla presentazione di Roma.

    07 settembre 2013 alle ore 15:15


Accedi o registrati per lasciare un commento