username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 12 lug 2004

Trilussa

1871, Roma
1950, Roma
Segni particolari: Il mio vero nome è Carlo Alberto Salustri. Il Presidente Einaudi mi nominò senatore a vita venti giorni prima della mia morte.
Mi descrivo così: La borghesia è stata il principale bersaglio della mia lieve ma non per questo indulgente satira: vizi e virtù dell'italiano medio rivivono negli apologhi degli animali parlanti, in versi di sorvegliata qualità letteraria.

elementi per pagina
  • 05 febbraio 2015 alle ore 18:12
    La tartaruga

    Mentre, una notte, se n'annava a spasso,
    la vecchia Tartaruga fece er passo
    più lungo de la gamba e cascò giù
    co' la casa vortata sottinsù.
    Un Rospo je strillò: - Scema che sei!
    Queste so' scappatelle
    che costano la pelle... -
    Lo so - rispose lei - 
    ma, prima de morì, vedo le stelle.

     
  • 01 aprile 2006
    L’eroe al caffè

    È stato al fronte, sì, ma col pensiero,
    però ti dà le spiegazioni esatte
    delle battaglie che non ha mai fatte,
    come vi fosse stato per davvero.

    Dovresti vedere come combatte
    nelle trincee d'Aragno ! Che guerriero!
    Tre sere fa , per prendere il Montenero,
    ha rovesciato il bricco del latte!

    Col suo sistema di combattimento
    trova ch'è tutto facile: va a Pola,
    entra a Trieste e ti bombarda Trento.

    Spiana i monti, sfonda, spara, ammazza...
    - Per me - borbotta - c'è una strada sola...
    E intinge i biscotti nella tazza.

     
  • 01 aprile 2006
    L’agnello infurbito

    Un lupo che beveva in un ruscello
    vidde, dall' antra parte de la riva,
    l' immancabbile Agnello.
    -Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -
    L'acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
    e un porco ce fa spesso er semicupio.
    Da me, che nun ce bazzica er bestiame,
    er ruscelletto è limpido e pulito... -
    L' Agnello disse: - Accetterò l' invito
    quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

     
  • 01 aprile 2006
    La politica

    Ner modo de pensà c'è un gran divario:
    mi' padre è democratico cristiano,
    e, siccome è impiegato ar Vaticano,
    tutte le sere recita er rosario;

    de tre fratelli, Giggi ch'er più anziano
    è socialista rivoluzzionario;
    io invece so' monarchico, ar contrario
    de Ludovico ch'è repubbricano.

    Prima de cena liticamo spesso
    pe' via de 'sti principî benedetti:
    chi vò qua, chi vò là... Pare un congresso!

    Famo l'ira de Dio! Ma appena mamma
    ce dice che so' cotti li spaghetti
    semo tutti d'accordo ner programma.

     
  • 01 aprile 2006
    La poesia

    Appena se ne va l'urtima stella
    e diventa più pallida la luna
    c'è un Merlo che me becca una per una
    tutte le rose de la finestrella:
    s'agguatta fra li rami de la pianta,
    sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

    L'antra matina scesi giù dar letto
    co' l'idea de vedello da vicino,
    e er Merlo furbo che capì el latino
    spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.
    -- Scemo! -- je dissi -- Nun t'acchiappo mica...--
    E je buttai du' pezzi de mollica.

    -- Nun è -- rispose er Merlo -- che nun ciabbia
    fiducia in te, ché invece me ne fido:
    lo so che nu m'infili in uno spido,
    lo so che nun me chiudi in una gabbia:
    ma sei poeta, e la paura mia
    è che me schiaffi in una poesia.

    È un pezzo che ce scocci co' li trilli!
    Per te, l'ucelli, fanno solo questo:
    chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto
    de facce fa la parte d'imbecilli
    senza capì nemmanco una parola
    de quello che ce sorte da la gola?

    Nove vorte su dieci er cinguettio
    che te consola e t'arillegra er core
    nun è pe' gnente er canto de l'amore
    o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:
    ma solamente la soddisfazzione
    d'avè fatto una bona diggestione.

     
  • 01 aprile 2006
    La paura

    So' coraggioso e forte!
    -disse un cavallo ar Mulo - e vado ar campo
    pieno de fede, sverto come un lampo,
    tutto contento de sfidà la morte!
    Se arriva quarche palla che m'amazza
    sacrifico la vita volentieri
    pe' la conservazione de la razza.
    - capisco, - disse er Mulo -
    ma, su per giù, pur'io
    che davanti ar pericolo rinculo,
    nun conservo la razza a modo mio?

     
  • 01 aprile 2006
    La diplomazia

    Naturarmente, la Dipromazzia
    è una cosa che serve a la nazzione
    pe' conservà le bone relazzione,
    co' quarche imbrojo e quarche furberia.

    Se dice dipromatico pe' via
    che frega co' 'na certa educazzione,
    cercanno de nasconne l'opinione
    dietro un giochetto de fisonomia.

    Presempio, s'io te dico chiaramente
    ch'ho incontrato tu' moje con un tale,
    sarò sincero, sì, ma so' imprudente.

    S'invece dico: - Abbada co' chi pratica...
    Tu resti co' le corna tale e quale,
    ma te l'avviso in forma dipromatica.

     
  • 01 aprile 2006
    In pretura

    - Alzatevi, accusata: vi chiamate?
    - Pia Tonzi. - Maritata? - Sissignora.
    - Con prole? - No... con uno che lavora...
    - D'anni? - Ventotto. - Che mestiere fate?

    - Esco la sera verso una cert'ora...
    - Già, comprendo benissimo, abbordate...
    - Oh, dico, sor pretore, rispettate
    l'onorabbilità d'una signora!

    - Ma le guardie vi presero al momento
    che facevate i segni ad un signore,
    scandalizzando tutto il casamento...

    - Loro potranno divve quer che vonno:
    ma io, su le questioni de l'onore,
    fo come li Ministri: nun risponno!

     
  • Un Albero di un bosco
    chiamò gli uccelli e fece testamento:
    - Lascio i fiori al mare,
    lascio le foglie al vento,
    i frutti al sole e poi
    tutti i semi a voi.
    A voi, poveri uccelli,
    perché mi cantavate le canzoni
    nella bella stagione.
    E voglio che gli sterpi,
    quando saranno secchi,
    facciano il fuoco per i poverelli.
    Però vi avviso che sul mio tronco
    c'è un ramo che dev'essere ricordato
    alla bontà degli uomini e di Dio.
    Perché quel ramo, semplice e modesto,
    fu forte e generoso: e lo provò
    il giorno che sostenne un uomo onesto
    quando ci si impiccò - .

     

     
  • "parla il cameriere"
    Quando tiene i discorsi, è vero,
    è rivoluzionario, lo ammetto:
    ma quando non parla cambia aspetto,
    diventa di tutt'altro umore.

    È a casa che avviene il cambiamento:
    povero me, se manco di rispetto!
    o se nel dargli un foglio non lo metto
    come vuole lui, nel vassoio d'argento!

    Ti basti questo: quando va in campagna
    a tenere le conferenze nei comizi
    sua moglie la chiama: la compagna.
    La compagna? Benissimo: ma allora
    perché con le persone di servizio
    continua a chiamarla: la mia signora?

     
  • 01 aprile 2006
    Felicità

    C'è un'ape che se posa
    su un bottone de rosa:
    lo succhia e se ne va...
    Tutto sommato, la felicità
    è una piccola cosa.

     
  • 01 aprile 2006
    Er leone riconoscente

    Ner deserto dell' Africa, un Leone
    che j' era entrato un ago drento ar piede,
    chiamò un Tenente pe' l' operazzione.
    - Bravo! - je disse doppo - lo t' aringrazzio:
    vedrai che sarò riconoscente
    d' avemme libberato da ' sto strazio;
    qual' é er pensiere tuo? d' esse promosso?
    Embè, s' io posso te darò ' na mano... -
    E in quella notte istessa
    mantenne la promessa
    più mejo d' un cristiano;
    ritornò dar Tenente e disse: - Amico,
    la promozzione é certa, e te lo dico
    perché me so' magnato er Capitano.

     
  • 01 aprile 2006
    Carità cristiana

    Er Chirichetto d'una sacrestia
    sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
    pe' castigallo d'una porcheria.
    - Che fai? - je strillò er Prete ner vedello
    - Ce vò un coraccio nero come er tuo
    pe' menaje in quer modo... Poverello!...
    - Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo? -
    Er Prete disse: - No... ma è mio l'ombrello!-

     
  • 01 aprile 2006
    Avarizia

    Ho conosciuto un vecchio
    ricco, ma avaro: avaro a un pun to tale
    che guarda i soldi nello specchio
    per veder raddoppiato il capitale.

    Allora dice: -- Quelli li do via
    perché ci faccio la beneficenza;
    ma questi me li tengo per prudenza...
    E li ripone nella scrivania.

     
  • 01 aprile 2006
    All’ombra

    Mentre me leggo er solito giornale
    spaparacchiato all'ombra d'un pajar
    o vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -
    vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -

    Forse 'ste bestie nun me capiranno,
    ma provo armeno la soddisfazzione
    de potè di' le cose come stanno
    senza paura de finì in priggione.

     
  • Da quanno che dà segni de pazzia,
    povero Meo! fa pena! È diventato
    pallido, secco secco, allampanato,
    robba che se lo vedi scappi via!
    er dottore m'ha detto: - È 'na mania
    che nun se pô guarì: lui s'è affissato
    d'esse un poeta, d'esse un letterato,
    ch'è la cosa più peggio che ce sia! -
    Dice ch'er gran talento è stato quello
    che j'ha scombussolato un po' la mente
    pe' via de lo sviluppo der cervello...
    Povero Meo! Se invece d'esse matto
    fosse rimasto scemo solamente,
    chi sa che nome se sarebbe fatto!

     
  • 01 aprile 2006
    Er primo Pescecane

    Doppo ave' fatto l'Arca
    Noe' disse a le Bestie:-Chi s'imbarca
    forse se sarvera', ma chi nun monta
    si' e no che l'aricconta.
    Perche' fra pochi giorni, er Padreterno,
    che s'e' pentito d'ave' fatto er monno,
    scatenera' un inferno
    pe' rimannacce a fonno.
    Avremo da resta' sei settimane
    tutti sott'acqua: e, li', tocca a chi tocca!-
    Ogni bestia tremo'. Ma un Pescecane
    strillo':-Viva er Diluvio!- E apri' la bocca.

     
  • 01 aprile 2006
    Accidia

    In un giardino, un vagabonno dorme
    accucciato per terra, arinnicchiato,
    che manco se distingueno le forme.

    Passa una guardia: -- Alò! -- dice -- Cammina! --
    Quello se smucchia e j'arisponne: -- Bravo! --
    Me sveji propio a tempo! M'insognavo
    che stavo a lavorà ne l'officina!

     
  • 01 aprile 2006
    Dispiaceri amorosi

    Lei, quanno lui je disse: -- Sai? te pianto... --
    s'intese gelà er sangue ne le vene.
    Povera fija! fece tante scene,
    poi se buttò sul letto e sbottò un pianto.

    -- Ah! -- diceva -- je vojo troppo bene!
    Io che j'avrebbe dato tutto quanto!
    Ma c'ho fatto che devo soffrì tanto?
    No, nun posso arisiste a tante pene!

    O lui o gnisuno!... -- E lì, tutto in un botto,
    scense dar letto e, matta dar dolore,
    corse a la loggia e se buttò de sotto.

    Cascò de peso, longa, in mezzo ar vicolo...
    E mò s'è innammorata der dottore
    perché l'ha messa fòri de pericolo!

     
  • 01 aprile 2006
    Romanità

    Un giorno una Signora forastiera,
    passanno còr marito
    sotto l' arco de Tito,
    vidde una Gatta nera
    spaparacchiata fra l' antichità.

    -Micia che fai?- je chiese: e je buttò;
    un pezzettino de biscotto ingrese;
    ma la Gatta, scocciata, nu' lo prese:
    e manco l' odorò.
    Anzi la guardò male
    e disse con un' aria strafottente:
    Grazzie, madama, nun me serve gnente:
    io nun magno che trippa nazzionale!

     
  • 01 aprile 2006
    Li vecchi

    Certi Capretti dissero a un Caprone:
    - Che belle corna! Nun se so' mai viste!
    Perchè te so' cresciute a tortijone?
    - Questo è un affare che saprete poi...
    - disse er Caprone - Chè, se Iddio v'assiste,
    diventerete becchi pure voi