username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alda Merini

in archivio dal 17 giu 2006

21 marzo 1931, Milano

01 novembre 2009, Milano

segni particolari:
Ho passato molti anni della mia vita internata in manicomi.

mi descrivo così:
La mia poetica, fatta di ardente visionarietà e profonda, ma al tempo stesso sommessa, inquietudine, mi colloca tra le maggiori autrici del Novecento e dei primi anni 2000.

17 giugno 2006

Canzone d’amore per Giuliano Grittini

Il mio vecchio che sembra un ragazzo
e che tante volte avrei voluto uccidere
per gelosia e amore.
il mio vecchio che mi ha celebrato come venere
e mi ha messo su tutti i giornali.

il mio vecchio con cui ho fatto numerosi viaggi
e che non tornerà più

dovrebbe dire a certe donne che
i suoi bianchi capelli
sono quelli del divino apollo
che incanta tutte le donne
e che io dafne mi nascondo tra i rami degli alberi
per non essere presa tra le sue braccia.

lui ha percorso mari e monti per conquistarmi
ma io sono un tronco di puro silenzio
e non gli farò vedere il mio fogliame.

il mio uomo che è bianco di capelli
e giovane di anni mi ha sempre portato lontano
e non ha mai ritratto queste fanciulle
che credono che un uomo,

un uomo divino possa un giorno baciarle sulla bocca.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento