username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandra Lamboglia

in archivio dal 07 mar 2006

05 agosto 1968, Roma

31 maggio 2006

Trasteverino verace

Intro: Che bella sorpresa questo racconto. Tutto scritto in romanesco narra una storia che sarebbe un peccato far trapelare qui. Diciamo solo che è piena di colpi di scena!

Il racconto

Quant'è deprimente Roma.... quanno uno soffre pe' amore e 'n più se deve sorbì sti tramonti colorati e ruffiani, sto ponentino che spira così languido che pe' conquistà na pischella nun devi nemmeno aprì bocca... è lei che te casca ai piedi! Funziona co' tutte... tranne che co' lei.
Ma sì, lei, l'amore mio, quella pe' cui potrei fa' pazzie!... Perchè io so' 'n tipo focoso sa'? Quanno me metto 'n testa 'na cosa... Me capite no? Pe' 'l momento 'n testa c'ho solo... 'n so manco come se chiama.
Come dite? Chi so' io? Nun ve l'ho detto? 'Nnanzi tutto so' romano, anzi, peggio, trasteverino, se non de sette generazioni almeno de tre o quattro e poi, ahimè, 'n innamorato sfigato. Da quanno l'ho vista pe' la prima volta... che ve devo di', nun so' stato più io.
Pure l'amici hanno notato che so' cambiato, prima ero l'allegrone della compagnia, mo' Romoletto dice che nun ne po' più de sentimme sempre sospirà e Nando che co' me nun se ride più, che c'ho sempre er muso. Te credo! Quella manco sa che esisto! E' una dei quartieri arti, io 'nvece so' 'n vagabbondo... Mi' madre m'ha accannato ch'ero 'n pupo e mi' padre... me sa che nemmanco mamma sapeva chi era...
Ma mica me sto a lamentà eh? So' sempre stato felice, ho fatto quello che me pareva e ho conosciuto la vita mejo de quei rimbambiti dell'amici mia che 'n se moveno mai. Ce credereste che Romoletto nun è mai entrato nel Colosseo? Io 'nvece modestamente li monumenti me li so' fatti tutti, armeno quelli do' se po' annà senza pagà dazio.
Chiedete si lavoro? E che bisogno c'avrei? Uno come me 'n pezzo de pane lo trova senza lavorà. Er segreto è annà a bussà dai più sensibili. Po' capità che quarcuno te cacci 'n malo modo, ma de anime pietose ce n'è tante.
E poi li regazzini! Pe' me vanno pazzi, li faccio divertì.... a loro nun je 'mporta che nun c'ho proprio un bell'aspetto. Sì, perchè io lo riconosco: so' uno de quei tipi... come di'... allergici all'acqua e sapone. Ao, ognuno c'ha le antipatie sue! Sì, sì, c'avete ragione, sto a divagà, mo ve racconto li fatti 'mportanti.
Allora, 'n giorno bighellonavo per Centro (me piace bazzicà quelle parti, che ne so, tra tutti quei signori me pare de diventà fine pur'io). Camminavo tutto spedito pe' Via Veneto, sapete, quella strada elegante, quanno... nun so manco come... me la so' trovata davanti.
'N sogno! du' occhi verdi scintillanti, er passo fiero ma allo stesso tempo morbido, e poi er portamento, 'na classe mai vista prima. L'avrei rimorchiata subito, senonchè lei stava co' la "mammina" e l'ho potuta solo seguì a distanza fino a Villa Borghese.
Nun c'ha manco fatto caso che je stavo dietro! Da allora ogni pomeriggio a 'st'ora sto qua: lei ce viene a passeggià e io spero sempre che 'na vorta o l'artra s’accorga de me.
Nun me so' mai avvicinato! ma oggi ho deciso... me dichiaro. Me so' pure dato 'na lavata pe' l'occasione! Mo appena ariva l'abbordo e je faccio tutto er repertorio der perfetto pomicione.
'Ntanto me nasconno dietro sta siepe, sbuco de scatto e vedrai che sorpresa. E lei chissà che farà, rimarrà a bocca spalancata, me lancerà 'no sguardo da sotto le ciglia, poi 'n soriso e a quer punto sarà mia, me seguirà perfino 'n capo ar monno! Oh, ma qua io sto a sognà e me distraggo e intanto, puntuale come sempre, ecco lei che m’appare in lontananza.
Come sempre co' "mammina" , è 'na visione celestiale, avanza, s'avvicina, me passa de fianco, devo esse' pronto, coraggio che je la fo, faccio 'n balzo improvviso, me je paro davanti e... MIAOOOOOOOOO...  è fatta, me so' rivelato, e mo' co' tutti sti zompi che sto a fa' nun se po' dì che nun me so' fatto notà.
Je dovrò piacè pe’ forza, nun me dirà de no. Oh, ma… mamma mia che botta! Che sta a succede ao? Aio, ancora ‘n’artra, e ‘n’artra ancora. E’ “mammina”, che co’ l’ombrello che c’aveva in mano me randella senza pietà, e co’ na voce stridula e nervosa strilla “Fifì, Fifì, vieni da mammina! E tu brutto gattaccio, vattene, pussa via, prendi questa, e quest’altra, così impari a infastidire la mia piccola”.
E Fifì? Pe’ quanto la riguarda ‘sta matta me potrebbe pure accoppà, nun alza un dito pe’ aiutamme. Anzi,  mentre s’accoccola tra le braccia de “mammina” me guarda co’ la faccia canzonatoria, co’ l’aria de disprezzo… e co’ quell’occhi verdi duri e freddi come er ghiaccio… A guardalla bene nun è manco tanto bella! Dopo ‘sta scarica de botte se ne so’ andate, offese e impettite, e m’hanno lasciato qua tutto ammaccato, pe’ fortuna che c’ho sette vite, perché una me la so’ quasi giocata! Come dite? Certo, so’ ‘n gatto, che ‘n se po’? Io mica ho mai detto er contrario, ma perché, voi che pensavate? Ah, capisco, è che pe’ voi è dato pe’ scontato che i sentimenti, er core che batte, so’ na prerogativa solo dell’umani.
Lassamo perde va, voi co’ du gambe ‘n ce capite niente, m’avete solo fatto perde tempo… ma chi ariva laggiù? È Romoletto, tutto trafelato, che je sarà successo? Che dici? Er macellaro t’ha dato ‘n po’ de trippa? E che aspettamo? Noo, ma che davero oggi sei stato ar Colosseo? Era ora che cominciavi a diventà ‘n gatto de cultura. Bello eh, te l’avevo detto. E domani te porto pure ai Fori.
Quella? No, è finita, nun ce penso più, m’ha stufato. Sai come se dice da ste parti? Morto ‘n papa se ne fa sempre ‘n’artro. Anzi, a proposito, l’artro giorno ho incontrato tu’ sorella Assuntina, ma lo sai che sta a venì su proprio bene? Quasi quasi ce faccio ‘n pensierino! Che vor dì nun la devi neanche guardà, lo sai che la rispetto, pe' chi m'hai preso, te me conosci, so’ er mejo amico tuo! Anzi, sai che te dico? Che domani ai Fori ce porto proprio lei! Eh, quant’è bella Roma co’ la luna che se sporge sur Tevere biondo, co’ li monumenti antichi che cominciano a prende sonno, e co’ sto venticello che te spira nelle orecchie e sembra quasi che te parli…
Come che te dice? A Romole’, te nun c’hai pe' niente l’animo poetico. Annamo a magnà, va!

Commenti
  • Luciano Vitiello Da bravo romano ho apprezzato moltissimo la scelta del romanesco :D E' una lingua oggigiorno troppo contaminata, screditata... Ha bisogno di ritrovare dignità. Carinissima la storia, mi ha strappato un sacco di sorrisi...

    08 novembre 2011 alle ore 18:31


Accedi o registrati per lasciare un commento