username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Moschini

in archivio dal 05 mar 2011

02 febbraio 1969, Montecatini Terme - Italia

mi descrivo così:
Ho vinto il concorso nazionale di poesia "Il Federiciano" 2011 organizzato da Aletti Editore con la poesia "I musicisti". Ho appena ristampato con LunaNera la mia prima silloge "Le corde di Eros".

09 maggio 2012 alle ore 21:03

Burqa

Cade la rosa

e impatta sulla pelle

entrando con le spine

nella carne.

Son versi imbavagliati

che sgorgan come sangue

e nel sangue

soppressi sono stati.

Cade la perla

e impatta contro gli occhi

spaccando come tuorli

le pupille.

Qualcuno ha atteso

di intingervi il suo pane

come avvoltoio

sulle carcasse del silenzio.

Cadono i trucchi

ed imbrattan la bellezza,

lividi e morchia

a deturpare il viso.

Nessuno vede

Sotto a queste vesti

nemmeno il sangue

che e' colato ai piedi.

Ma i versi quelli si

si son salvati.

Sono volati

sulla testa dei soprusi

che con Allah

non han mangiato insieme.

Non basteranno i sassi

lanciati a lapidare

il mio corpo soccombuto

a far soccombere

e star sotto le parole.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento