username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Moschini

in archivio dal 05 mar 2011

02 febbraio 1969, Montecatini Terme - Italia

mi descrivo così:
Ho vinto il concorso nazionale di poesia "Il Federiciano" 2011 organizzato da Aletti Editore con la poesia "I musicisti". Ho appena ristampato con LunaNera la mia prima silloge "Le corde di Eros".

11 agosto 2012 alle ore 21:38

Morte di un fiore

Da te ho visto cadere
anche l'ultimo petalo
esalando il suo ultimo colore.
E' spirato in un afflato
ormai stremato
lasciando tutti noi
al nostro grigiore.
Mi piange il cuore
nel vederti ricurvo
sul tuo gambo
con il calice chino,
calvo,
dove un tempo
come ali di pavone
svettavano i colori.
Eppur ti guardo!
E guardo questa gente
che non ti vede,
e non si vede.
Non vede niente in verità.
Cammina come zombie,
persa nei grattacieli,
nella fretta,
nelle ibernate conversazioni
consumate nei fast food.
Gente che ha tutto
e non è niente.
Eppur ti piango!
Intorno a questo grigio
che anestetizza ogni dolore
ho il cuor vestito a lutto.
Oggi è morto un fiore.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento