username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Pradella

in archivio dal 23 feb 2012

11 marzo 1975, Sermida (MN) - Italia

segni particolari:
Sognatore cervellotico e lunatico

19 giugno 2012 alle ore 15:08

Una vita spezzata

Intro: Tranquillità apparente , impegni quotidiani e gioie di una modesta famiglia che vive la passione per i cani da corsa .Ma cosa riserva il destino ? Un incubo è in agguato ...

Il racconto

Le corse dei cani erano la passione di Klaus , e ogni fine settimana lo tenevano impegnato anche se non c'erano competizioni in calendario .
I suoi due levrieri gli avevano regalato una decina di trofei in 2 anni di gare in tutta la Romania , e ai campionati nazionali di Brasòv si erano piazzati al 4° e 9° posto . Erano fratelli , stupendi Magyar Agar di appena 4 anni , uno dal manto tigrato  e l'altro nocciola intenso . Klaus dedicava loro tutto il tempo libero e veniva ripagato da un affetto che nemmeno un figlio avrebbe potuto eguagliare ; inutile dire che la ragazza in grado di ritagliare un benchè minimo spazio nella sua vita ...doveva ancora nascere.
Milla si svegliò in tarda mattinata , aprendo gli occhi solo per verificare la presenza o meno di luce nella stanza , per poi richiuderli una volta appurato che il bagiore del sole non era ancora filtrato dalle imposte della porta finestra . Le previsioni davano una stupenda giornata per quel sabato di novembre , una cosa insolita per le colline di Mohu , non di rado già imbiancate o frustate da venti gelidi provenienti dalla steppa russa . Il baccano della grande sala adiacente tormentava il suo delicato stato di incoscienza , quel prolungato risveglio che le serviva per afferrare i sogni che stavano svanendo , stemperarli dal dramma tipico dei fatti onirici e trovare un significato il più utile possibile alle sue vicende quotidiane . Lo scampanio di piatti le causò una contrazione improvvisa , come un raptus di collera , poi lentamente i sensi le tornarono e la rabbia la fece sobbalzare :
« Maledizione ! Ancora lui ! Lo avevo quasi davanti...potevo vederlo...mi bastava una manciata di secondi ! »
Milla gettò un'occhiata al grazioso orologio a forma di casetta sulla mensola adiacente al letto : segnava le 6.30
« Dannati fratelli ! Non riescono a stare tra le mura di casa senza mangiare di continuo come i maiali all'ingrasso...ma come si fa a mettere in funzione lo stomaco a quest'ora del mattino ? E una cosa fuori dal comune! Quel sogno mi tormenterà finchè vivo...o finchè non incontro questo tizio misterioso. Se potessi dormire quanto voglio potrei farcela a capire chi è...sembra una barzelletta ma lui compare nel sogno sempre qualche attimo prima che mi svegli...sta per dire qualcosa...e poi finisce tutto !»
Avrei voluto fare il cuscino a brandelli per sfogare quella frustrazione. Poi decisi di alzarmi e andai in cucina per inveire sui miei fratelli che , ignari , mi accolsero con larghi sorrisi e strepiti , come se fossi una diva dello spettacolo.
«Che razza di animali siete ? Non riuscite a non alzarvi con le prime luci dell'alba ? E a non svegliare chi vi sta intorno nel raggio di un chilometro ? »
« Ehi !La Regina Madre di Persia si è alzata di malumore e ci farà trucidare tutti....diamocela a gambe ! Ha ha ha ! »
« Il primo saresti tu Igor , ti farei tagliare la lingua , cucire la bocca e poi spellarti vivo cosi' non emetteresti un fiato fino alla morte ! »
Igor emise una fragorosa risata seminando particelle di pane secco su tutta la tavola.
Mi aggiustai una sedia e mi ci lasciai cadere sopra , sbuffai  e mi appoggiai al tavolo con la testa tra le mani.
« Bene bene cosa abbiamo oggi un altro incubo soprannaturale ? Un fantasma ti ha stuzzicato nel sonno ? Non è colpa nostra se vai piu d'accordo con i morti che con i vivi ! Dovevi farlo di mestiere , almeno ci avresti procurato un bel po' di soldi !  ». Klaus aggiunse il suo squallido sarcasmo alla dose di veleno che già scorreva nelle mie vene.
« Attento ! Con i miei poteri posso suggerire allo spirito di Bogdan di usare il tuo corpo per continuare con i suoi lavoretti ...che ne dici ? »
Quell'uomo era uno psicopatico che in vita si era inflitto le più assurde torture , come tagliarsi lembi di pelle , incendiarsi i capelli , cavarsi le unghie , ingoiare chiodi e insetti , procurarsi enormi tagli che poi faceva infettare vantandosi delle cicatrici. Mor dopo che si era versato dell'alluminio fuso nell'orecchio .
« Ok Milla , ricevuto. Mangia un boccone che tra un ora ci mettiamo in viaggio . La giornata è stupenda e i trofei di Sibju ci aspettano ! »
Io adoro le corse dei cani e adoro i nostri splendidi cani , ma sarebbe più sensato far correre Igor e Klaus e godersi lo spettacolo in compagnia di quelle povere bestiole , di gran lunga più perspicaci e affidabili di chi li ha allevati . Victor è il mio tesoro , il suo manto di cioccolata e il suo muso imbronciato mi hanno trafitto il cuore … e oggi vincerà , me lo sento .

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento