username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Anna Maria Di Simone

in archivio dal 23 set 2011

Livorno

24 settembre 2011 alle ore 16:41

Picciridda (Bambina)

Picciridda
giochi sula ‘nta strada
cu ‘na pupa ‘nte manu.
A lavi, a vesti, a ccarizzi
e cu ‘nu lazziceddu
ci ttacchi i capiddi
ridennu cu dd’ occhi
chi parunu stiddi.
Si u suli i supra ti bampa
ti nni vai a ‘na funtanedda
ti bagni a facci
e rifrischi magari a to’ bambuledda.
Poi quannu veni a sira
ti ‘ncuminci a ‘ncaminari
picchì si fici l’ura
d’annari a manciari.
E ddu mumentu chi t’a cuccari,
baci a to’ pupa,
ti ppoggi o cuscinu,
pinsannu o jonnu
c’avi ccuminciari.

Bambina
giochi sola per strada
con una bambola in mano.
La lavi, la vesti, l’accarezzi
e con un laccetto
le leghi i capelli
ridendo con quegli occhi
che sembrano stelle.
Se il sole ti brucia addosso
vai ad una fontanella
ti bagni il viso
e rinfreschi anche
la tua bambolina.
Poi giunta la sera
inizi a incamminarti
poiché è ora
di andare a mangiare.
E quando devi coricarti,
baci la tua bambola,
ti appoggi al cuscino,
pensando al giorno
che deve incominciare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento