username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Antonello Ottinà

in archivio dal 15 feb 2010

28 settembre 1971, Germania

15 febbraio 2010

Fine

Sposate al sorriso e ai silenzi impossibili,
percorrono spazi e paradisi invisibili,
sospinte dal vento volan le gioie,
è cieco chi vede poche ed uniche vie.
Nell'ombra in un angolo la mia anima dimora,
nè rumore ne spazio ella acclamerà,
le taglienti parole espulse veloci,
da chi vive esclusivamente nelle proprie radici.
La pioggia improvvisa il triste presagio,
l'agonia fa assaporare l'amaro dolore adagio,
le nubi sospinte e perforate dal timido raggio di sole,
sostiene la ragione, perché tutto prima o poi muore.
L'anima vola lungo il sottile confine,
che separa la vita da una falsa fine,
crisalide ora è giunto il momento,
farfalla alzati in volo e muovi le tue ali nel vento,
Il lupo chiese al cielo perché piangeva,
il cielo rispose che il mondo più lacrime non aveva.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento