username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Antonio Sangervasio

in archivio dal 29 mag 2006

10 settembre 1970, Roma

mi descrivo così:
Amo troppo la poesia per poterla descrivere con parole.

22 gennaio 2007

Pensieri in prima linea

Pensieri in prima linea

E' nel mio silenzio

che ritrovo un senso

dove parlo al mondo

da un cuscino di un letto.

E' nell'essere nudo nell'anima avversa,

nella lavagna di una vita

che tutto mi ha dato,

nello sfumare di un creato che mi ha assistito,

che rivedo le immagini.

Scenografie son stati la pioggia ed il sole,

la nebbia ed il mare e la luna.

La luna,

che mi ha consigliato, che mi ha perdonato,

ha visto che il tempo non concede spiraglio,

nemmeno l'abbaglio di chiare risposte.

Il mare,

che mi ha cullato, coccolato e viziato,

mi ha sciolto il bianco

della pace di neve.

La nebbia,

che mi ha confuso,

che mi ha fatto gioire e che poi mi ha deluso,

ha ascoltato il richiamo dei vapori,

ha svanito per sempre i colori.

Il sole,

che mi ha abbagliato,

che mi ha scaldato nei freddi rimorsi,

ha bruciato un istante il filo che unisce speranze.

La pioggia,

che ha lavato tutto,

che a volte ha creato e a volte ha distrutto,

stavolta ha diluito i sensi e prepara

la terra ad un nuovo inizio fertile.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento