username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 18 mag 2011

Arturo Vado

11 ottobre 1968, Napoli
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 25 maggio 2011 alle ore 5:56
    Stò turnànno

    È notte
    quànta silènzio
    dìnto 'a stà via,
    stò turnànno.

    'E chìstu silènzio mè fa penzà
    'a tànti còse
    ògne pàsso nù ricòrdo
    còmme dìnto 'a nù ritràtto
    'e facce 'e chi fòra 'o purtòne
    m'aspettàve annascònnuto
    pè mè fa mèttere paura.

    Stò turnànno.
    Nùn sènto 'a voce 'e Nanninella
    c'alluccàva fòr 'o barcòne “marò 'e che calòre”
    e nùn ncè stànno 'e vecchiarìelle assettàte 'a sèggia
    fòra 'e vàsce cù 'o ventàglio nmàno
    'a sè piglià 'o frìsco dà sèra.

    È notte
    'a sentì chìstu silènzio
    ca m'astrègne fino 'o core
    mè piglia còmme nù nùreco 'ncànna,
    stò turnànno.

    Sòtto 'a fenèsta
    e chèlla ca è stàta 'a casa mia
    nà fiùra dà marònna cù dùie sciùre jànche.
    Addò stà mamma mia
    cà scetàte sè nè stèva 'pè m'arapì 'a pòrta
    'pè nùn fa rummòre.
    “Vàtta 'a cuccà” mè dicèva
    e cù nù vàse nfròntè, còmme 'a nù piccerìllo,
    mè diceva bonanòtte.

    Stò turnànno.
    Quànta silènzio
    dìnto 'a stà via,
    addò stòngo,
    ma nùn è chèsta 'a vita mia.
    M'aggio sunnàto
    nà grànna festa
    ma 'e tièmpe sò cagnàte
    stà nuttàta è chìena 'e tristezza,
    'a tristezza 'e stù silènzio
    quànta tìempo
    che è pàssato.
    È nù suspire o è affànno?
    Addò state tutte quànte?
    Aspettàteme,
    arapìteme,
    sò turnàto.

     
  • 18 maggio 2011 alle ore 22:14
    DENTRO

    S’infrange su di un muro di cristallo
    occhi che si perdono nell’atroce senso di un oblio
    vaga senza meta una mente innamorata
    L’odore della rugiada riporta al giorno
    in una preghiera le mani
    il sospiro del chiedere di non esistere più.

    Il rumore di un silenzio.....
    tra cascate di lacrime...
    inabissato cuore...muore velocemente.....
    senza nemmeno l'alibi di un solo respiro
    nel profumo tuo la mia morte
    eteria e senza fine
    la sola parola che proferisce
    la mia bocca
    che tanto desidera il bacio della strega.

    Sprofonda l’anima
    Scivola sul suo stesso sogno
    Portando via
    Il vento e tutto l’amore
    Chiedendo alla stessa morte
    Di trascinarlo il più lontano possibile.

    E quel viso che consumandosi ti sorride
    Sono io
    Che strappo le carni dalle mie ossa
    Lasciando al mondo la tua bellezza
    Ti abbraccio ancora
    Mentre la terra ricopre il corpo mio
    Da quel fiore posato
    Sul mio petto
    sangue dal cuore
    con le dita dipingo
    tutta la mia gioia
    nelle due parole che ti appartengono
    ti amo.