username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Bedri Baykam

in archivio dal 05 lug 2012

1957, Ankara - Turchia

segni particolari:
La mia attività principale è dipingere ma amo anche scrivere: ho pubblicato ben 19 libri libri tra saggi e romanzi.

mi descrivo così:
Sono un pittore di origine turca.

05 luglio 2012 alle ore 8:46

Sex

di Bedri Baykam

editore: Barbera

pagine: 323

prezzo:

Acquista `Sex`!Acquista!

Il titolo lascia un attimo interdetti: sarà un libro porno, sicuramente, che altro? Se leggete il titolo originario, “The bone” (l’osso), lo sconcerto aumenta… di cosa parlerà quest’opera di Bedri Baykam, eclettico artista turco che oltre ad essere un celebre e precocissimo pittore ha studiato arte drammatica  e ha scritto 19 libri tra narrativa, saggistica d’arte e politica?
“Sex” non è un libro “facile”, non si legge tutto d’un fiato, ha bisogno di un pubblico adulto sia per le molte scene di sesso, descritte nei più minimi particolari che, soprattutto, per le innumerevoli descrizioni scientifiche che abbondano: “Sex” è un melange di splendida fantascienza alla Orwell o alla Huxley e di sesso, il tutto in salsa turca nel senso che il libro è un ininterrotto inno alla propria terra da parte di Baykam.
Il protagonista di quest’opera, che è assurta agli onori della cronaca perché l’autore ha immaginato l’attacco dell’11 settembre con dieci mesi d’anticipo e con una straordinaria somiglianza di particolari e che ha anche subito la censura per le troppe scene di sesso, è un fotografo, Selim Targan, di cui viene descritta la vita intensa e piena di incontri, amicizie e amori fino alla morte, imprevista e violenta.
Dal miliardario Zozi alla scienziata Narciye, dalla fidanzata Funda alla cugina Pelin, queste e tante altre persone entrano nell’esistenza di Selim per arricchirla e lasciare una traccia nel bene e nel male; in Selim probabilmente Bedrì ha voluto descrivere un po’ se stesso, certo è che il suo libro non lascia indifferenti ma, d’altra parte, da un artista così eclettico com’è lui non potevamo attenderci niente di meno.

recensione di Daniela Domenici

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento