username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Bianca Fasano

in archivio dal 04 dic 2011

01 agosto 1949, Napoli - Italia

segni particolari:
profondamente innamorata dell'arte in ogni sua espressione, fortunatamente abile in alcune delle sue possibilità: pittura, poesia, scrittura sotto forma giornalistica, romanzata ed altro. Un passato remoto di danzatrice classica. Ceramista. Ho creato tre splendidi esemplari di esseri umani.

mi descrivo così:
Concretamente piantata a terra come un ulivo secolare del Cilento, ma capace di lanciare i rami verso il cielo, con le foglie da un lato di un bel verde tenebroso e dall'altro argentee.

16 giugno 2012 alle ore 10:55

Che non me ne vogliano i Milanesi... ma quello che è troppo è troppo!

Il racconto

Che non me ne vogliano i Milanesi... ma quello che è troppo è troppo!
Post n°323 pubblicato il 16 Giugno 2012 da mondodonna_2008
Tag: intelligenza, milanesi, napoletani, nord, sud

  RICEVO:
N° 18 - Sono più intelligenti gli Italiani del Nord o del Sud?
Gentile collega,

il Professor Richard Lynn nel n. 38 della rivista “Intelligence” (2010) ha affermato che gli Italiani del Nord sono più intelligenti degli Italiani del Sud, motivo in grado di spiegare le notevoli differenze in termini di reddito, successo e istruzione. A questo tema e al dibattito che ne è scaturito abbiamo dedicato il numero 18 di Knowledge Addiction
(http://www.eulabconsulting.it/index.php?option=com_content&view=article&id=147:newsletter-nd-18-sono-piu-intelligenti-gli-italiani-del-nord-o-del-sud&catid=38:cat-newsletter&Itemid=60).
C’è una barzelletta che perde un po’ del suo sapore se scritta e non, invece, raccontata “bene”:
San Pietro viene chiamato dal padreterno, molto inquieto perché al di sotto del luogo dove lui dorme, i napoletani fanno un gran fracasso cantando “o sole mio” ed altre canzoni, facendo tarantelle, suonando il clacson, parlando ad alta voce per le strade fino al mattino...
P. “Devi metterci riparo! Io non ne posso più!”
S. P. “Ma voi lo sapete come sono fatti i napoletani, una ne fanno e cento ne pensano, sono i figli di tante traversie, di presenze straniere, di Masaniello, la Repubblica Partenopea,  le quattro giornate che hanno cacciato i tedeschi da Napoli, Salvo d’Acquisto che si è fatto uccidere...”
P.”Non mi interessa! Falli smettere!!"
S. P. “Vabbè. Ma come posso?”
P.” Toglici mezzo cervello e si calmeranno!”
"S.P. “Ma come, ai miei napoletani così scetati, mezzo cervello in meno?”
P. “ABSOLUTELY: non ce la faccio più
Detto fatto San Pietro si affaccia e con un gesto della mano compie il miracolo: mezzo cervello in meno ai napoletani.!” Un minuto di silenzio dal basso e poi: “o sole miooooooo!!!!”, voci confuse allegre ed alterate, rumore di clacson, risate...
P. “Mio Dio!!!! Continuano! Non è possibile! Togligli un altro mezzo cervello!”
S. P. “Ma, comandante! Ne abbiamo già tolto mezzo!”
P. “Togligli  metà del cervello rimasto!”
San Pietro con un gesto della mano verso il basso, compie il miracolo e:
“o sole mioooooo!!!!! voci allegre, canti, balli, qualche bestemmia, rumori vari e clacson:
A questo punto il comandante non ne può più:
P. “San Pietro, è inaudibile! Lasciaci soltanto il 10/% del cervello e facciamola finita!”
San Pietro piange, si dispera per i suoi “scugnizzi”, ma il comandante non demorde, per cui San Pietro si affaccia verso il basso dove si trova Napoli e compie di nuovo il terribile miracolo.
Un minuto di silenzio e poi da Napoli si sente un canto:
“O mia bella Madonina, che me guardi da lassùùùùùù”....”
I napoletani sono diventati tutti milanesi.

Commenti
  • Giovanni De Simone Bellissimo e significativo. La guerra Nord - Sudn on finisce mai perché il Nord non capisce (e come può col 10% di cervello) che non bastano le "palanche", la vita è fatta di tanti sapori e di amori. Di quest'ultimo è evidente che ne hanno solo uno: "palanche e solo "palanche"

    16 giugno 2012 alle ore 11:18


Accedi o registrati per lasciare un commento