username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 mag 2011

Cate Massaiu

23 settembre 1957, Oliena
Mi descrivo così: scoperta parola che vuole evadere in libertà

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 10 luglio 2011 alle ore 14:29
    la pura coscienza

    nel sentore opaco
    che avvolge questa vita
    s'erge il brillio della coscienza.

    ella ,quasi ignuda
    ha forme venerande
    e fuori stampo.

    in altre stagioni
    ha attraversato
    con sai e fustagni
    monti e valli
    chinando il capo
    sotto il nerbo dei prepotenti.

    ma se pur sommessa
    ha sempre respirato forte
    chiamando a se gli umili.

    è nel tempo ,non è un miraggio,
    riluce,è brillantezza
    nel grigio fango
    dell'apparenza.

    ancora resiste all'oro
    fatuo che ha coperto la cupola
    e si fa chiamre dai poveri
    eterna provvidenza.

    nel soppravvivere dei giorni nostri
    è lebbrosa,perde a pezzi
      la forma fisica,
    (diciamocelo ad alta voce
    in commedia ,poesia o canto
    si trasforma
    in araba fenice).

    ma con la carità
    conserva intatta la fede e la speranza.

     
  • 19 maggio 2011 alle ore 21:06
    denota forza la pazienza

    divide in due l'onda
    la prua di una barca,
    lei il liquidio penetra
    con la smania dipinta.
    ma non s'accorge che non è sua la forza
    ma di chi soggiace.
    è lui che permette incurante
    le righe bianche sul blu
    padrone del tempo e del momento.
    Mi sembra ,come se gocce di rugiada
    si posasero su di una valle di lacrime.

     
  • 08 maggio 2011 alle ore 22:25
    cuori che battono insieme

     

    le mamme

    sono

    fiori di ogni stagione

    ...regalano essenza

    coronano i sogni

    al vento della vita

    di ogni giorno

    si adagiano

    per non negarsi

    per rinnovarsi

    per rendere sempre fresco
    il più forte dei legami

     
  • 07 maggio 2011 alle ore 8:53
    una rosa di maggio

    sboccia senza alcun riguardo
    e non si preoccupa del tempo
    che l'accoglie.
    ...lei vuole spazio
    e nella sua veste
    e nel suo profumo
    si mostra galante
    a tutto
    e al niente.
    mi piace
    perchè vive intensamente.

     
  • 04 maggio 2011 alle ore 21:50
    sussurro

    "il vento
    sussurra
    all'aurora
    è tempo
    di dar risveglio
    al canto
    del giorno

     
  • 04 maggio 2011 alle ore 21:48
    il sogno appeso ad un lume

    "Lui la luce
    pieno di speranza,
    il ventre di ciò che desidero,
    sciolto
    senza sostanza fisica
    di te
    magica essenza.
    Libero corre tra le nuvole
    un fiore,
    carambola su di un raggio,
    sponda,
    angolo,
    buca,
    scende lieve a terra
    sfiorando le tue palpebre.
    il suo energico dire
    fare e sentire
    arriva diretto
    sconvolgendo il tuo mondo.
    Ricreando un arcobaleno.
    nell'aria rosa
    si forma eva -nascente una bolla."

     
  • 03 maggio 2011 alle ore 23:17
    la canta-lena della piena marea

    lei tra le onde
    non rispetta le righe.
    c'è il vento marino
    che la scombussola
    e lei ridendo agita la testa
    lasciando che la lunga coda sporga.
    lei insegna al marinaio
    come una chiocciola
    regge alla tempesta,cosi

    lei tra le onde
    non rispetta le righe.
    c'è il vento marino
    che la scombussola
    e lei ridendo agita la testa
    lasciando che la lunga coda sporga.

     
  • 03 maggio 2011 alle ore 22:53
    mai fuochi fatui riscalderanno le genti

    "s'aggiornano i tempi

    a quei ritmi imposti

    da mani verdi

    occhi verdi

    e lingue verdi.

    prego- ti

    signore dei cieli

    e degli abissi

    crea nuovi tsunami

    per lavare questi sfregi.

    dai forza ai liberi concetti

    in onde di pace che convergano in cerchi

    e

    porta noi esseri a lidi tranquilli

    dove la libertà d'esprimmersi

    stia ancora sull'uscio ad accoglierci."

     
  • 03 maggio 2011 alle ore 22:50
    Sardità

    mentre lontananza
    decanta le maree
    temprate dal vento
    ... sono rovo
    dove succose more
    attendono