username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 03 mag 2006

Cecco Angiolieri

1260 circa, Siena
1313, Siena
Segni particolari: Secondo la critica romantica fui un poeta maledetto.
Mi descrivo così: Spregiudicato, ossessionato dall'esigenza dei godimenti materiali: la donna, la taverna e il dado erano le tre cose che avevo a cuore.

elementi per pagina
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:38
    Per ogne gocciola d'acqua c'ha 'n mare

    Per ogne gocciola d'acqua c'ha 'n mare
    ha cento mill' allegrezze 'l meo core
    e qualunqu'è di tutte la minore
    procura più ch'a' Romani 'l Sudare;

    ch'i' seppi tanto, tra dicere e fare,
    ched i' sali' su l'àlbor de l'Amore,
    ed a la sua mercé colsi quel fiore
    ch'io tanto disiava d'odorare.

    E po' ch'i' fu' di quell'albero sceso
    sì volsi per lo frutto risalire:
    ma non potéo, però ch'i' fu' conteso.

    Ma gir mi vo' chel fior, ch'i' ho, a gioire;
    ch'assa' di volte 'n proverbio l'ho 'nteso:
    chi tutto vuole, nulla dèe avere.

     
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:36
    Chi non sente d'Amor o tant'o quanto

    Chi non sente d'Amor o tant'o quanto
    en tutto 'l tempo che la vita i dura
    così dè esser sotterrat'al santo
    come colui che non rendé l'usura;

    ed e' medesmo si pò dar un vanto
    che Dio co' santi l'odia oltre misura.
    Ma qual è que' che d'Amor porta manto,
    e' pò ben dir che gli è pretta ventura.

    Però ch'Amor è sì nobile cosa
    che, s'elli entrasse 'n colu' de lo 'nferno
    che non ebb'anch'e non dè aver posa,

    pena non sentirebbe 'n sempiterno:
    la vita sua saria più gioiosa
    che non rubaldo a l'uscita del verno

     
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:34
    Sed i' avess'un sacco di fiorini

    Sed i' avess'un sacco di fiorini,
    e non ve n'avess'altro che de' nuovi
    e fosse mi' Arcidoss'e Montegiuovi
    con cinquicento some d'aquilini,

    non mi pari' aver tre bagattini
    senza Becchin'; or dunque, 'n che ti provi,
    babbo, di gastigarm'? or ché non movi
    de la lor fede tutti ' Saracini?

    E potrest'anzi, s'i' non sia ucciso;
    perch'i' son fermo 'n quest'uppinione:
    ched ella sia un terren paradiso.

    E vòtene mostrar viva ragione
    com' ciò sia vero: chi la sguarda 'n viso,
    sed egli è vecchio, ritorna garzone.

     
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:27
    L'Amor, che m'è guerrero ed enemico

    L'Amor, che m'è guerrero ed enemico,
    m'ha fatto com'al drago san Michele,
    e mi fa canne somigliar candele:
    guarda s'i' son ben di veder mendìco!

    Garzon di tempo e di savere antico,
    fui già chiamato fonte di cautele;
    ma veramente, come Cristo 'n ciel è,
    i' son del tutto folle, e nol disdico.

    Però chi mi riprende di fallare
    nol mir'a dritto specchi', al mi' parere,
    ché contra forza senno suol perire.

    E non per tanto, ché del migliorare
    non si sa punt', anz'i' potre' morire
    - dica chi vuol - ch'i' 'l mett'a non calere.

     
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:22
    Quanto un granel de panìco è minore

    Quanto un granel de panìco è minore
    del maggior monte che abbia veduto;
    e quanto è 'l bon fiorin de l'òr migliore
    de qualunca dinaro più menuto;

    e quanto m'è più pessimo el dolore
    ad averlo, e l'ho, ch'a averlo perduto:
    cotant'è maggio la pena d'amore,
    ched io non averei mai creduto.

    Ed or la credo però ch'io la provo
    en tal guisa che, per l'anima mia,
    de questo amor vorria ancor esser novo.

    Ed ho en disamar quella bailia
    c'ha 'l polcinello ch'è dentro da l'ovo,
    d'escir 'nanzi ched el su' tempo sia

     
  • 22 giugno 2011 alle ore 17:15
    Figliuol di Dio, quanto ben avre' avuto

    Figliuol di Dio, quanto ben avre' avuto
    se la mia donna m'avesse degnato
    di volermi per schiavo ricomprato,
    come colui ch'a lo port'è venduto!

    Me dolente, a le cu' man' son caduto!
    ch'oggi giurò su ne l'altar sagrato
    che, s'ella mi vedesse strascinato,
    non dicerebbe: «Chi è quello issuto?».

    M'Amor ne sie con le', s'elli 'l può fare;
    ché ma' questa speranza non mi tolle:
    che 'l canto non mi torni 'n sufolare.

    S'ella m'odiasse quanto Siena Colle,
    sì mi pur credo tanto umiliare
    che 'l su' cor duro ver' del mi' fi molle.

     
  • Dante Allaghier, Cecco, tu' serv' amico,
    si raccomand' a tte com' a segnore;
    e sì tti prego per lo dio d'Amore,
    il qual è stat' un tu' signor antico,
    che mmi perdoni s'i' spiacer ti dico,
    ché mmi dà sicurtà 'l tu' gentil cuore:
    quel ch'i' vo' dire è di questo tenore,
    ch'al tu' sonetto in parte contradico.
    Ch'al meo parer nell'una muta dice
    che non intendi su' sottil parlare,
    di que' che vide la tua Beatrice;
    e puoi hai detto a le tue donne care
    che be llo 'ntendi: e dunque contradice
    a ssé medesmo questo tu' trovare.

     
  • Dante Alleghier, s'i' so' buon begolardo,
    tu me ne tien' ben la lancia a le reni;
    s'io desno con altrui, e tu vi ceni;
    s'io mordo 'l grasso, e tu vi sughi el lardo;
    s'io cimo 'l pannó, e tu vi freghi el cardo;
    s'io so' discorso, e tu poco t'afreni;
    s'io gentileggio, e tu misèr t'aveni;
    s'io so' fatto romano, e tu lombardo.
    Sì che, laudato Idio, rimproverare
    poco può l'uno a l'altro di noi due:
    sventura o poco senno ce'l fa fare.
    E se di tal materia vo' dir piùe,
    Dante, risponde, ch'i' t'avrò a stancare,
    ch'i' son lo pugnerone, e tu se' 'l bue.

     

     
  • La mia malinconia è tanta e tale,
    ch'i' non discredo che, s'egli 'l sapesse
    un che mi fosse nemico mortale,
    che di me di pieta non piangesse.
    Quella, per cu' m'aven, poco ne cale:
    ché mmi potrebbe, sed ella volesse,
    guarir 'n un punto di tutto 'l mie male,
    sed ella pur " I' t'odio " mi dicesse.
    Ma quest' è la risposta c'ho da llei:
    ched ella no mmi vòl né mal né bene,
    e ched i' vad' a ffar li fatti mei,
    ch'ella non cura s'i' ho gioi' e pene,
    men ch'una paglia che lle va tra' piei.
    Mal grado n'abbi' Amor, ch'a lle' mi diène.

     

     
  • No si disperin quelli de lo 'nferno,
    po' che n'è uscito un che v'era chiavato,
    el quale è Cecco, ch'è così chiamato,
    che vi credea stare in sempiterno.
    Ma in tale guisa è rivolto il quaderno,
    che sempre viverò grolificato,
    po' che messer Angiolieri è scoiato,
    che m'afriggea d'estate e di verno.
    Muovi, nuovo sonetto, e vanne a Cecco,
    a quel che giù dimora a la Badia:
    digli che Fortarrigo è mezzo secco;
    che no si dia nullla maninconia,
    ma di tal cibo imbecchi lo suo becco,
    ch'e' viverà più ch'Enòch ed Elia.


     

     
  • Qualunque giorno non veggio 'l mi' amore,
    la notte come serpe mi travollo,
    e sì mmi giro, che paio un bigollo,
    tanta è la pena che sente 'l meo core.
    Parmi la notte ben cento mili' ore,
    dicendo: " Dio, sarà mma' dì, vedròllo? ";
    e tanto piango, che tutto m'immollo,
    ch' alcuna cosa m'aleggia 'l dolore.
    Ed i' ne son da llei così cangiato:
    ché 'n una ched e' giungo 'n sua contrada,
    sì mmi fa dir ch'i' vi son troppo stato,
    e ched i' voli, sì ttosto me'n vada,
    però ch'ell' ha 'l su' amor a ttal donato,
    che per un mille più di me li aggrada.

     
  • S'i' fosse fuoco, arderei 'l mondo;
    s'i' fosse vento, lo tempestarei;
    s'i' fosse acqua, i' l'annegherei;
    s'i' fosse Dio, mandereil' en profondo;
    s'i' fosse papa, allor serei giocondo,
    ché tutti cristiani imbrigarei;
    s'i' fosse 'mperator, ben lo farei:
    a tutti tagliarei lo capo a tondo.
    S'i' fosse morte, andarei a mi' padre,
    s'i' fosse vita, non starei con lui:
    similemente faria da mi' madre.
    S'i' fosse Cecco, com' i' sono e fui,
    torrei le donne giovani e leggiadre:
    le zoppe e vecchie lasserei altrui.

     
  • S'e' si potesse morir di dolore,
    molti son vivi che sserebber morti;
    i' son l'un desso, sed e' no me 'n porti
    'n anim' e carn' il Lucifer maggiore:
    avegna ch'i' ne vo co la peggiore,
    ché ne lo 'nferno non son così forti
    le pene e li tormenti e li sconforti
    com' un de' miei, qualunqu' è lo minore.
    Ond' io esser non nato ben vorria,
    od esser cosa che nnon si sentisse,
    poi ch'i' non trovo 'n me modo né via:
    se non è 'n tanto che sse si compisse
    per aventura omai la profezia,
    che ll'uom vuol dir, ch'Anticristo venisse.