username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cecco Angiolieri

in archivio dal 03 mag 2006

1260 circa, Siena

1313, Siena

segni particolari:
Secondo la critica romantica fui un poeta maledetto.

mi descrivo così:
Spregiudicato, ossessionato dall'esigenza dei godimenti materiali: la donna, la taverna e il dado erano le tre cose che avevo a cuore.

22 giugno 2011 alle ore 17:34

Sed i' avess'un sacco di fiorini

Sed i' avess'un sacco di fiorini,
e non ve n'avess'altro che de' nuovi
e fosse mi' Arcidoss'e Montegiuovi
con cinquicento some d'aquilini,

non mi pari' aver tre bagattini
senza Becchin'; or dunque, 'n che ti provi,
babbo, di gastigarm'? or ché non movi
de la lor fede tutti ' Saracini?

E potrest'anzi, s'i' non sia ucciso;
perch'i' son fermo 'n quest'uppinione:
ched ella sia un terren paradiso.

E vòtene mostrar viva ragione
com' ciò sia vero: chi la sguarda 'n viso,
sed egli è vecchio, ritorna garzone.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento