username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cecilia Bertacche

in archivio dal 30 mar 2007

07 novembre 1954, Imola (BO)

segni particolari:
Malinconia vitale?

mi descrivo così:
Una viaggiatrice dell'anima una curiosa del mondo, un reporter del nulla, una collezionista di mostri, una raccontafiabe, un raccontatore.

30 agosto 2011 alle ore 1:35

ESTHER

Esther 
fiore di mirto
Esther 
nome inciso nel sacro

Lei forse Israelita e forse Myrsine figlia del vento 
il suo  sangue sparso per  vendetta da un uomo

Esther cespuglio di mirto
dove Aphrodite trovera'  riparo
nella sua dolorosa crescita
verso un destino  di donna mortale
avrebbe voluto fuggire lei
Dea tolta alla quiete  e trascinata al mondo

Esther e' fiori di Mirto
fiore nato dal sangue in terra bruciata da un sole maschile e impietoso
dalla sete 
lei cosi' delicata
nella terra dove i fiori hanno il colore del sangue
lei nascosta
stanata e bruciata dal carro di Apollo

Esther dal lungo collo
un soffio un tocco  leggero
la Dea la raccolse
il corpo lacerato
dalla lama di un uomo
Myrsine amante del vento
l'uomo  mortale geloso ler fece tagli profondi nei  polsi
la vita usci' lentamente come alcuni sospiri al tramonto
dei rami fruscianti del mirto

Esther figlia del vento
la spuma della Dea
scompiglio' i tuoi rami
rifugio inconsapevole
di forze primigene
scolpite per sempre negli occhi

Esther non sa' perche' il suo sangue
bagni la terra
ma certo sa
che non ci sara' mai altro uomo
che possa giocare
con lame sottili e  il suo cuore
ne farle uscire dolore
ne lasciare che l'amore la  soffochi
solo perche' uomo cieco
non ha saputo vedere  il suo volto

Esther allora diventera' crudele
la rabbia ancestrale di molti dolori eplodera'
con la potenza del magma dal ventre di Gea
sara' come la sorella
Medusa..creatura bellissima
giocattolo di un dio maschile
bruciata da un amore impossibile

Esther non avra' che morte da offrire a chi la guardera'

Ma saranno pochi ad alzare lo sguardo su lei
Esther
versato il suo sangue d'amore
ha scrollato la testa e le lacrime hanno acceso diamanti
piu' rossi del cielo al tramonto
nessuno mai
potra' arrivare cosi' vicino
nessuno mai
piu'
dice Esther
poiche' cosi lei ha deciso

Cecilia Bertacche

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento