username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

11 gennaio 2013 alle ore 20:59

A-vrò L-uci D-a A-ccendere(dedicata ad Alda Merini)

Di Te,
angelo tra gli angeli, 
che hai sopportato
le scuri severe
tenute salde
da "solerti boscaioli"
pronti a modellare
quella "croce senza giustizia"
che è stato il Tuo frenocomio,
immagino di scorgere
il volo sublime,
delicato e soave
agli occhi del cielo,
affinchè io possa seguirlo
e sottrarmi all'oblio.
Mi hai dato i sogni per volare,
la Tua anima per dissetarmi
e la Tua mano per accompagnarmi
tra i meandri dei pensieri
facendo di me la più bella poesia.
Ora che il mio corpo
logoro dalla senilità
ha più rughe nello spirito
che nella faccia,
catturo ogni angolo del Tuo pensiero,
cibandomi dei Tuoi versi
ancora una volta per non morire.
Ti sognerò
e all'alba di ogni giorno
Ti rivivrò
sol così Avrò Luci Da Accendere
per l'eternità.
.
cesaremoceo

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento