username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cesare Moceo

in archivio dal 14 mar 2012

29 settembre 1953, Palermo - Italia

segni particolari:
Ho impresso in faccia l'amore per mia moglie.

mi descrivo così:
Sono servo della mia famiglia. I miei scritti possono contenere qualche citazione da sottoporre agli obbighi di legge.
Inserito nell'antologia poetica "Voci d'autore 2013" edita da Pagine srl e nella collana dei poeti contemporanei 29/012 e 6/013.
Pubblico poesie sul giornale telematico "cefalunews"

23 novembre 2012 alle ore 21:33

Premiato dal cielo

A mia moglie, alle mie figlie...
-

Catapultato da una famiglia disfatta
in una strada piena di buche,
ho passato giorni
a camminare sul ciglio del baratro,
solo,
consapevole di quell'abisso.
Ho toccato fondali profondi,
che avrebbero potuto
far di me un altro uomo,
mi ha salvato il Dio che ho nel cuore,
trasformando le ferite in esperienza,
sentiero sublime verso la realizzazione.
La corazza con cui ho avvolto il mio IO,
non sempre mi ha protetto
dal soffio di gelidi venti d'afflizione,
fin quando nuovi volti mi hanno sorriso
e adesso cullano
dolcemente il mio tempo e la mia vita.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento