username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Charles Baudelaire

in archivio dal 01 mar 2001

09 aprile 1821, Parigi - Francia

31 agosto 1867, Parigi - Francia

segni particolari:
Vd. Flaubert e aggiungi la soppressione di sei componimenti riabilitati solo nel 1949.

mi descrivo così:
Un esteta in grado di conciliare l'inconciliabile: il lirismo romantico e il formalismo.

20 marzo 2006

L'albatro

Per dilettarsi, sovente, le ciurme
Catturano degli albatri, grandi uccelli marini,
che seguono, indolenti compagni di viaggio,
il bastimento che scivolando va su amari abissi.
E li hanno appena sulla tolda posti
che questi re dell'azzurro abbandonano,
inetti e vergognosi, ai loro fianchi
miseramente, come remi, inerti,
le candide e grandi ali. Com'è goffo
e imbelle questo alato viaggiatore!
Lui, poco fa sì bello, come è brutto
e comico! Qualcuno con la pipa
il becco qui gli stuzzica; là un altro
l'infermo che volava, zoppicando
mima.
Come il principe delle nubi
è il poeta che, avvezzo alla tempesta,
si ride dell'arciere: ma esiliato
sulla terra, fra scherni ,
le sue ali di gigante gli impediscono di camminare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento