username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cosimo Piediscalzi

in archivio dal 12 mag 2008

15 agosto 1978, Palermo

mi descrivo così:
Cammino all'indietro andando avanti.

29 ottobre 2008

Delle adunanze, della P2 e delle biologie apicali

Intro: Un fantasioso e breve paragone tra logge massoniche e biologia, finisce con un altrettanto breve e metaforica descrizione della nostra Italia e di chi la governa. Per riflettere e sorridere allo stesso tempo.

Il racconto

Io cammino in genere a sinistra. Poi, si sa, abbiamo denti dentro spazi che non sono privati e a volte nascondiamo frigoriferi nella pancia per quel gusto barocco della privata proprietà.

 


Biologicamente, abbiamo adunanze di ossa o di cellule che abbisognano di ordini e congegni massonici, senza che ce ne accorgiamo molta della nostra economia biologica o cellulare è già organizzata in ordinanze massoniche; intere micro-masse di cellule accorpate o di reazioni cellulari che nell’interazione concentrano nella sostanza di un “ordine ordinato” la propria consistenza. E’ complicato fare un decalogo che non sia “casuale” di essenze massoniche non previste: scuole, edifici abbandonati, piscine pubbliche, osterie, stadi di calcio, segreterie, ospedali e centri per il cosiddetto benessere, caserme, luoghi di culto, centri estetici, discoteche, fabbriche, industrie o i misteriosi depositi all’ingrosso per merci dentro cassette di cartone. Biologia, natura, civiltà, strutture e logistica urbana, infrastrutture, logiche di arredo, concepimenti architettonici. Nel biologico, lo sviluppo per asse o lo sviluppo degli ordini – fissati o armonici – ha una valenza strutturale che se non è “struttura” non è funzionale. Avrebbero tutte poche cunette, queste strade d’Italia,  ( l’Italia per intenderci industriale e buontempona, ) se non fossimo tanto poco accorti a contare una per una le rughe presenti nella fronte di Andreotti. Non esisterebbero gli asfaltatori: e neanche le veline forse. “Ma farebbe bene alla mia corte sapere a che pro l’escavazione di una tesi in merito”. E per la cronaca contiamo: un servitore, uno scribacchino, un corsivista, un cronista, un ammaestratore dialettico, un paggio delle occasioni, un esperto di tematiche, un saggio, un grammatico, un fachiro, un copista, un traduttore e un dattilografo. Abbiamo anche macchinari per la refrigerazione ma non amiamo vantarcene come taluni.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento