username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 19 nov 2011

Cristiano Pili

09 giugno 1978, San Nicolò d'Arcidano - Italia

elementi per pagina
  • 19 novembre 2011 alle ore 18:20
    Di giorno in giorno

    Dura è la fine di ogni mio giorno
    con la stanchezza a far da contorno.
    Dolce è l' attesa della mattina
    perchè il sonno la rende regina.
    Gravoso e lento è il mio risveglio
    a letto stavo senz' altro meglio.
    Grigia si offre a me la giornata
    e triste è pensare che è appena iniziata.

     
  • 19 novembre 2011 alle ore 18:14
    Al mio bimbo

    La piccola mano insicura tentenna
    con impazienza il bimbo riprova
    a disegnar con l' indomabile penna
    la dritta linea che cresce sinuosa.
    Buffa la rabbia che prova silente
    timido scorcio di quel che sarà
    intanto diviene la retta un serpente
    ma prima o poi anche lui riuscirà.
    Piccolo bimbo che cresci ogni dì
    godi di questi momenti che hai
    ti vorrei tanto fermare così
    ma pian pianino anche tu crescerai.

     
  • 19 novembre 2011 alle ore 18:04
    Alba gelida

    Spietato e gelido giunto è l' inverno
    carente di luce agonizza il giorno,
    l' abbraccio funesto pare eterno
    di assenza di vita si sveglia adorno.
    La fredda terra di bruna vestita
    in attesa di un pallido sole riposa
    quasi a negar l' inoppugnabile vita,
    bianca si adorna come una sposa.
    Placida l' acqua nel lento ruscello,
    flebile luce riflette nell' aria
    come una gemma ad ornare un' anello,
    muta il mattino in un opera rara.

     
  • 19 novembre 2011 alle ore 17:44
    Essendo io

    Essendo io
    caduto nell' oblio
    tremai al pensiero
    di vana lotta
    subì naufragio
    nel triste io
    ma della mente non ci fù sosta.
    Il mesto viso
    dimesso e schivo
    muto narrante
    di immane aborto
    non celando di esser vivo
    ma simulando d' essere assorto.