username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Bove

in archivio dal 22 giu 2007

16 settembre 1942, Napoli

segni particolari:
Da sempre dipingo, scolpisco, leggo e qualche volta scrivo. Ho avuto una seconda vita insperata e intensa... i miei figli... la creatività... il miracolo di essere ancora viva, testimone del mio tempo e della mia vita.

mi descrivo così:
cristinabove.splinder.com

13 luglio 2007

Tempo-luogo

Tempo-luogo il pensiero
a quanta distanza dal corpo
al cervello
è possibile stare, e ancora pensare?
Ricordo un racconto di Dennett,
in prima persona narrato:
mandarono solo il suo corpo
decerebrato
in missione speciale
intanto il cervello nutrito
serbato in ammollo
con lui collegato magneticamente
nel laboratorio lontano chilometri e più…
E poi ritornato
il suo corpo-Amleto
guardava con gli occhi
il proprio cervello
lasciato in ammollo
e lui corpo-Amleto
poteva osservare
la cerebro-massa di Yorick- cervello
che intanto captava ciò che lui guardava
Ma CHI lo pensava?
CHI riferiva di sé che guardava?
Che fosse l’ astratto?
Quell’IO della mente
che esiste nel tutto
coscienza e contatto
antitesi al niente?...

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento