username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina Mosca

in archivio dal 20 nov 2006

14 ottobre 1980, Giulianova (TE)

segni particolari:
Nel Comitato dei Lettori dal 2011. Curiosa.

mi descrivo così:
Scrivo, amo vivo.

14 febbraio 2007

Chissà se verrà alla mia festa

di Cristina Mosca

editore: Schena

pagine: 107

prezzo: 6,00 €

Acquista `Chissà se verrà alla mia festa`!Acquista!

Un storia fluida, un triangolo che si conclude con i tre angoli rimasti soli, ognuno pronto a tracciare la semiretta della sua vita. La penna di Cristina Mosca è stata capace di creare una trama emozionante che rapisce il lettore e lo porta a leggere il libro tutto in una notte.
La protagonista è una ragazza determinata, ma allo stesso tempo incapace di star sola. Ha un assoluto bisogno di una figura maschile al suo fianco per sentirsi più viva, per sentirsi più forte.
L’abilità narrativa della scrittrice abruzzese sta nel saper comporre il punto di vista dell’uomo con una dote innata. Sembra che sia proprio un uomo ad aver scritto i capitoli intitolati “Lui”. Dote derivante dall’esperienza personale – in primis –, ma soprattutto grazie alla spiccata qualità di saper studiare l’essere umano che gli è di fronte.
La Mosca scandisce fasi di un rapporto amoroso abbastanza consuete, ma lo fa con un verbo creativo e scorrevole. La semplicità della scrittura è apprezzata, in questo spaccato d’amore. Un amore che forse non era vero, che forse non lo è mai stato. Una lontananza che non rinforza nulla, ma abbatte e porta alla ricerca di un abbraccio. Quello di un suo collega giornalista che forse viene sfruttato; ma non ne siate troppo certi…
La sorpresa finale non manca. Basta sfogliar pagina con dolcezza, la stessa di cui è intriso l’inchiostro di questo libro. Arrivare alla fine e sentire la voce, il messaggio della giovane Cristina Mosca.

recensione di Paolo Coiro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento