username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cristina S.

in archivio dal 13 gen 2006

15 giugno 1973, Roma

mi descrivo così:
Sono una ragazza simpatica che ha capito veramente il significato della vita!

30 marzo 2006

l ultima stella

In quel cielo sfumato
L’ultima stella è un piccolo cristallo
Confuso dal primo segnale di luce.
L’aurora rischiarata dal barlume mattiniero
E l’alone lunare ormai nel ciel non biancheggia più.

Il sole ancora assonnato fa sbocciare
Sulla sua bocca un grosso sbadiglio
E finalmente illumina la città.
Le nuvole sono birichine
E nascondono la grande palla infuocata.

La rugiada sdraiata sui campi
Pare l’ultima stella nel cielo.
Dalle case riscaldate della campagna
Il fumo lieve dei camini si espande ovunque,
il paesaggio è inargentato da una leggera luce argentea.

Le voci dei bambini, per il freddo,
spariscono dai parchi e dai giardini!
L’ultima stella è diventata ormai
Un’orma piccola assai, e nel ciel non si vede più
Se n’è tornata a casa facendo cucù.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento