username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Dacia Maraini

in archivio dal 12 mag 2011

13 novembre 1936, Fiesole (FI)

segni particolari:
Dal 1962 al 1978 ho vissuto intenso rapporto affettivo con Alberto Moravia.

mi descrivo così:
Una delle scrittrici italiane più influenti sulla scena letteraria. Faccio parte della famosa "generazione degli anni Trenta".

20 giugno 2011 alle ore 15:41

La lunga vita di Marianna Ucrìa

di Dacia Maraini

editore: Bur

pagine: 272

prezzo: 7,56 €

Acquista `La lunga vita di Marianna Ucrìa`!Acquista!

Siamo nella Sicilia del 1700. Marianna Ucrìa, "babbasuna mutola", va in sposa al "signor padre zio" all'età di dodici anni, compiendo il destino a lei riservato, come per le altre giovani spose della sua età, dalla sua famiglia: le donne, onde disperdere il patrimonio familiare, sono destinate al convento oppure ad un matrimonio combinato. E la povera Marianna, non ha solo la sventura di nascere femmina, ma si ritrova sordomuta sin dalla prima infanzia, privata quindi di ogni tipo di aspirazione. L'unico compito che le resta è quello di mettere al mondo i propri figli e, quindi, il tanto desiderato erede.

Ed ecco che, in una casa silenziosa e buia, Marianna trova conforto nella lettura dei testi, aggrappata a quell'ancora di salvezza che le permette di comunicare con il mondo attraverso la sola scrittura – il più bel regalo da parte del suo "dolce padre" sarà un kit di penne e fogli da legare alla vita.  Proprio con la cultura la donna riuscirà a superare gli ostacoli che man mano si presentano ai suoi occhi e a mantenere una lucidità e una forza d'animo superiore alle altre donne aristocratiche contemporanee "tenute in uno stato di ignoranza gallinacea".

La storia di una donna che, pur vivendo i rituali dell'antica aristocrazia, riesce ad esprimere le proprie emozioni e a prendere consapevolezza dei propri sentimenti, risultando, nelle sue scelte e nei rapporti con chi le sta accanto, di una modernità inaudita.

recensione di Silvia Palombo

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento