username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

25 luglio 2012 alle ore 1:20

Sonata

Oh angelo mio, potessero queste stesse mani afferrarti...
potesse questa mia bocca porre fine alle parole...
Oh angelo mio, tu non sai che musica ho dentro,
le note del cuore sono le più belle ma così meledettamente sanguinose se ti sottrai al loro ritmo...
Oh angelo mio, una tua sola apparizione e potrei sentirmi in paradiso.
Un dannato salvato dall'inferno per la grazia del tuo cuore.
Nel verde dei tuoi occhi mi perderei, oh si!
Maledetto questo mondo in cui non posso vivere senza te al mio fianco!
E mi perdo nel buio della tristezza perchè, si angelo mio, un eterno vivere senza te sarebbe uguale a morire se il mio cuore ti ama e ti brama in interrottamente!
Senza mai fermarsi, senza mai smettere, senza mai pompare sangue al mio sentimento!
Perchè è così! Il mio sangue defluisce per la tua glora, per il tuo amore, per la tua vita accanto alla mia.
Sono qui in questo mio vivere senza la luce del tuo cuore!
Che vita è questa? Sotratto l'amore non resta che vivere all'ombra di me stesso e di ciò che ho dentro!
Felicità! Tu porti questo al mio essere.
La tua voce, oh si, Dio m'è testimone! Note di una musica così raffinata che non ne esiste altra per queste mie gelide orecchie! 
Per me ogni cosa esistente la donerei a te!
Anima mia, anima pia! 
Acquieta il tuo animo! 
Denuda te stesso dinnanzi al mio tormento!
L'amore, amore, amore! Parole magiche per chi ti ama e nn ti porta rancore.

Commenti
  • Vincenzo De Mare Che delizia. I miei più vivi complimenti.

    06 agosto 2012 alle ore 1:40


  • Daniela Iodice grazie infinite!

    06 agosto 2012 alle ore 11:09


Accedi o registrati per lasciare un commento