username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
"Il poeta è come quel principe delle nuvole,
che snobba la tempesta e se la ride dell'arciere
poi, in esilio sulla terra, tra gli scherni
con le sue ali da gigante non riesce a camminare."
[Charles Baudelaire]

07 febbraio 2013 alle ore 18:03

Sotto La Pioggia

Il racconto

Camminava in quel campo di grano con la sua postura disinvolta tenendo stretta, nella mano destra, a sua spada nuova di zecca, regalatagli da un povero contadino delle ricche regioni del Nord. Un tempo gli disse che avrebbe potuto essere molto ricco, comprarsi una splendida residenza sul fiume che scorreva ai lati della collina maggiore, avere il miglior cibo possibile, dal maiale arrosto al pesce fatto sul fuoco ardente che sua moglie gli avrebbe preparato. Avrebbe potuto essere un ricco signore e vivere nel lusso; sarebbe diventato ricco se solo avesse voluto. Aveva avuto l'occasione per accrescere la sua fortuna, ma il buon senso lo fermò a strattoni. Sarebbe divenuto come quei spadaccini ricchi, che toglievano il cibo ai poveri, che maltrattavano i buoi e uccidevano le pernici, sempre insoddisfatti come quei signori che detestano la propria moglie e i figli e che passano del tempo fra le sottane di altre donne poco di buono, invece di dedicarsi alle mogli, ai giochi coi propri figli, passeggiare tra i campi di grano e veder buoi e pernici parlare fra loro.
Era un uomo saggio quel vecchio contadino, che si stremò le spalle e le mani fino alla fine per non tradire quei principi che suo padre tanto desiderava avesse; per non smettere di adorare la sua famiglia come fece fin dal primo incontro con sua moglie.
“Ricco io? perchè essere troppo ricco per poi andar a finire con la faccia nello sterco?” era solito dire.

Camminava ancora senza meta in quel campo di grano. Vagava in cerca di qualcosa che aveva perduto molto tempo prima e che teneva a ritrovare. Aveva il volto sciupato, come quello di un povero disgraziato che non toccava cibo da mesi. I lineamenti erano smussati, doppi, inondato di cicatrici che terminavano sulla pianta dei piedi. Forse quell'uomo aveva combattuto molte guerre, era passato per conflitti tra spade taglienti e pugnali danzanti che lo avevano trafitto in ogni singola parte del suo corpo. Forse si era fatto scudo di battaglie che non erano sue, di omicidi di gente che non conosceva, di suicidi iniziati con qualche scontro.
Anche se indebolito per il freddo autunnale, sembrava esser attivo ed energico. Frugava con le grosse mani, cicatrizzate ed addolcite dal sole del meriggio, tra il frumento ed il grano sparso e scrutava nei chicchi uno ad uno.

In lontananza vi erano grosse vallate, ricche di erbe e grano. Distese immense di prati verdeggianti con uno sgargiante rosso scarlatto che ne dipingeva le punte qua e là di papaveri del Tibet. Il tutto aveva un profumo così dolce unito all'odore del gelsomino e quello del limone estivo.
Le nubi all'orizzonte erano rossastre con qualche venatura di blu tra il sole e la prima nuvola.
Sembrava si preparasse a piovere ma quell'uomo era sempre lì che camminava fluente con quell'andatura disinvolta, col volto olivastro per il troppo sole, con ancora la sua amica spada stretta nella mano destra, mentre nell'altra teneva stretto nel palmo qualcos'altro.

Egli teneva nella mano sinistra un fazzoletto.
Era il fazzoletto di sua moglie; bianco con ricami rossastri di una decorazione floreale dove qua e là vi erano ricamati piccoli papaveri rossi del Tibet insieme a piccoli limoni e gelsomini. Dall'altro lato vi erano ricamati due piccoli campi di grano con una vallata alle loro spalle.
Forse era lei che cercava, che frugava e toccava tra il grano morbido di una stagione ormai passata.
Attese per ore fino all'imbrunire e di lei nessun' ombra, ma solo il ricordo in lui del suo dolce sorriso, le labbra scarlatte e i lunghi capelli nero carbone che contornavano gli occhi verdi, unici in quella terra, che gli sorridevano felici.

Il sole calò, lui ancora lì... d'improvviso si avvertì l'afoso profumo della pioggia che incominciò a cadere.
Sul fazzoletto che teneva stretto vi era un solo nome, ricamato con un color blu del cielo che sfumava nel rosso dei fiori.
Un nome che corrispondeva a quello di sua moglie...
Rain.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento