username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Marcellusi

in archivio dal 12 mar 2007

18 ottobre 1979, La Spezia

segni particolari:
Mi interesso di tutto quello che riesce ad attirare la mia attenzione.

mi descrivo così:
30 anni, nata a La Spezia. Appassionata di letteratura, cinema, viaggi.

12 marzo 2007

Tu

Ora che non ci sei
ora che sono ad aspettarti
ora, mi scopro diversa.

Tu sai farmi far pace con la mia rabbia
tu puoi sciogliere il veleno che mi scorre nelle vene
tu sei là, ed io lontana da te.

Sei stato luce immensa in un pomeriggio di tenebra
e aria fresca mentre stavo per soffocare
in un attimo il tuo sorriso... l'energia, il coraggio.

Vorrei avere le tue certezze.
Le tue sicurezze, le tue insicurezze
La tua allegria.
I tuoi tormenti e la tua pace.
Vorrei la tua fierezza e la tua umiltà.
Vorrei la tua gioia e la tua libertà, la tua rabbia, i tuoi desideri.
La tua onestà e la capacità di mentire.
Vorrei avere la tua stessa razionalità e la stessa disillusione.
Vorrei la tua voglia di sognare.

Adesso, con tutto il tempo che ci è passato davanti agli occhi
adesso che sei ancora il mio riferimento,
adesso, mi sento sola.

Tu sai farmi desiderare la vita
tu puoi farmi rinascere proprio mentre sto morendo
tu sei là, ed io lontana da te.

Sei stato spensieratezza in una notte fredda
e primavera quando dai miei occhi colava gelo
un istante dei tuoi occhi.... la passione, la possibilità.

C'era confusione, fretta. Desiderio.
Ingestibile.
La sensazione che non potrà mai essere soddisfatto.
Brividi, palpabili.
Quasi terrore.
Poi oppressione, apnea, il respiro è andato via.
Un'inondazione di sangue nelle vene.
Il cuore arrabbiato, e strizzato.
Mi perdo.
Ho tutto quello che mi occorre, e so che non l'avrò mai.
Mi accontento dello sguardo di un passante, metto un'altra firma sulla mia condanna.
Mi allontano piano nella notte.
Chiedo perdono, parlo ancora con Dio.
Provo a capire se mi sta guardando, mi rassegno.
Adesso mi accetto,mi giustifico.
Ora corro, veloce fra le colline.

Oggi che mi sono fermata ad osservarmi
oggi che vorrei il tuo sapore fra le mie mani,
oggi, non so chi sto cercando.

Tu vuoi qualcosa che io non so darti
tu hai un segreto che non ho saputo svelare
tu sei là, ed io lontana da te.

Sei la mia speranza
e il senso di ogni mio gesto,
ma tutto questo tu non lo sai.

Vorrei avere le tue opportunità,
oppure un'alternativa qualsiasi.  

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento