username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Daniele Campanari

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Daniele Campanari

  • 15 aprile 2013 alle ore 11:06
    Racconto la mia notte: ricordo a me stesso

    Saranno stati 24 anni suonati
    com'è logico se sono nato col ricordo della campana.
    Sar-anno: forse quello che verrà. O forse l'anno dopo quello che verrà.
    24 come la vigilia per i praticanti del supplizio vissuto secondo la scrittura suggerita.
    C'è stato sulla croce di legno
    sollevata da barboni in carne ed ossa
    ma a fare la festa erano altri, barboni pure loro.
    Sulla croce ci stiamo tutti: non somiglia al motto domenicale né all'ideale romantico;
    ci stiamo tutti perché pure è difficile arrivare alla fine del mese.
    Figurati riposare il settimo giorno!
    24 anni e ho pulito culi sporchi di merda poggiati su letti d'ospedale barcollanti.
    24 anni e ho menato il piede destro alla terra davanti al capitano.
    24 anni ad osservare lavagne vuote e a fottere la poesia.
    C'è stata, una notte, in cui ho toccato il mio corpo sperando che fosse uno spettro.
    Ho sperato che fosse la scultura museale e non la scorrettezza lineare di un passato cibato dalle alimentari abitudini.
    Ho sperato che dentro ci fosse una matrice diversa, divisa dai piccoli strati della pazzia mentale.
    Eccomi: la carica di un equilibrista appeso consapevole del vuoto sotto al filo incatenato agli estremi delle scale.
    Eccomi: con gli occhi chiusi per non vedere il mondo, crudele, battezzato con l'abito scuro.
    Eccomi: con la penna forcina che penetra, scava e attacca buchi d'immagine creata a somiglianza.
    24 anni e un ginocchio malandato,
    24 anni e una barba annaffiata che non vive
    24 anni e una poesia
    24 anni e un ombra soltanto
    che racconta la mia notte.