username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 07 apr 2009

David Bass

29 luglio 1982, Africo

elementi per pagina
  • Quando ero piccolo la strada cantava botte di fucile
    c’era pure l’esercito quand’ero piccolo,
    e io avevo un amico che è ancora un caro amico, che urlava ai militari: spara, spara due colpi a terra, dai facci vedere com’è!
    E poi andavamo a mare quando c’era il mare fortissimo, e ci buttavamo nelle onde alte tre volte noi
    e sono cresciuto su un tappeto di sabbia e sassi, tanto che oggi non passa giorno che io non ci cammini sopra per un'ora almeno.
    Dove giocavo ai videogiochi
    Qualche anno dopo ci ammazzarono un tipo, e qualcuno disse che “sembravano botti di natale”
    Infatti in questo posto ho imparato a far ridere la gente, e ancor oggi non ci riesco
    Eppure se ci penso mi sono divertito tanto e ancora riesco a divertirmi,
    la strada canta ancora fucilate,
    il mare è sempre più forte,
    l’esercito non c'è più, ora la polizia ferma me; che palle, eppure gliel’ho detto mille volte che sono pulito
    dove vado a giocare a biliardo in estate, tempo fa ci hanno ammazzato un tipo
    ma io me ne fotto perché forse erano botti di natale.

     
  • Mi hanno sempre detto “sei una persona forte”
    me lo hanno sempre detto… prima di andarsene
    sempre dalle labbra della donna che andava
    da quelle dell’amico che tradiva, mai durante una cena tra amici,
    quando ognuno cerca di prevalere sull’altro.
    Me l’hanno detto sempre di spalle e colavano bava come cani e cagne rognose
    mai nel letto caldo, lì mi deliziavo col profumo di pelle
    ma mai frasi simili a perle, solo parole d’oro in cambio di bianco latte
    Un giorno, avevo ventisei anni, mi alzai dal letto mattina presto e dissi:
    "Sono una persona forte e perché mai dovrei tollerare le lame dei deboli?"