username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 26 giu 2013

Diavoletta <3

Piazza Armerina
Mi descrivo così: Non smettere mai di sognare!

elementi per pagina
  • 30 giugno 2013 alle ore 10:44
    La mancanza

    Si sente la mancanza della sabbia,
    quella morbida terra che delicatamente
    ricopre i miei piedi in ogni minimo passo.
    Si sente la mancanza del sole,
    quella stella che ogni giorno ci guida,
    che con i suoi raggi caldi
    riveste  la mia anima e mi sento viva.
    Si sente la mancanza del mare,
    quella tela blu che sembra fatta di raso,
    col suo movimento soave
    immerge i miei capelli
    fino a farli diventare lucenti alla luce del sole.

     
  • 28 giugno 2013 alle ore 10:32
    Notte

    Mentre tutto dorme già, 
    la luna sale in alto al cielo
    e innaugura la nuova notte.
    Il cielo spoglio, senza luce
    aspetta la prima stella,
    il primo sogno di un bambino.

     
  • 26 giugno 2013 alle ore 14:35
    Ai primi raggi del sole

    La vita è come un viale,
    nei primi metri c’è un piccolo germoglio,
    piccolo e indifeso,
    che si riscalda ai primi raggi del sole.
    Poi cresce, diventa fiore
    Bello e variopinto
    fino a che non perde i petali.
    Rimane lo stelo, vecchio e stanco,
    pensa a quando era un piccolo germoglio,
    rimpiange quei momenti,
    fino a che una brezza leggera  d’autunno
    lo coglie dal terreno
    e lo trasporta verso l’orizzonte.

     
elementi per pagina
  • 14 novembre 2013 alle ore 18:14
    L'ateo che ritrova la fede

    Come comincia: Un giorno un ateo incontra un cattolico e gli chiede:<< ma perché tu credi alla chiesa? Non lo senti di tutti quei preti pedofili? Il cattolico risponde: << la chiesa è la casa del mio Dio>>. Il giorno dopo l'ateo incontra una donna islamica e le chiede: ma perché tu credi al tuo dio se vede le donne come schiave?>> la donna rispose: << io credo al mio Dio e sono queste le leggi della mia religione>>. Il giorno dopo l'ateo va dal parroco del suo paese per avere risposte perché è molto confuso dopo i due incontri. Incontra il parroco e l'ateo gli chiede:<< ma perché la gente difende a spada tratta la sua religione? Sono solo leggende!! Chi puó dire che Gesù o Maometto sia davvero esistito? Non capisco!>>. Il prete, col sorriso in viso, risponde: <>. L'ateo non capisce quello che vuole dire il prete, ma dopo una breve pausa, il parroco continua a parlare: << la risposta è nel tuo cuore, sra a te capirla!>>. Dopo questa chiacchierata l'ateo è ancora più confuso! Durante la notte l'ateo sogna una figura maschile che gli dice: << una persona come può vivere senza credere? Anche tu credi a un dio, ma ti affermi ateo! Tutte le buone azioni che hai fatto, perché le hai fatte? Tu segui la parola di dio senza saperlo!>>. L'ateo si sveglia di colpo e non riesce più a dormire perché ora ha un dubbio! All'alba l'ateo capisce l'errore che aveva fatto in questi anni e la prima cosa che fa è dire un padre nostro. Non credo più che sia il caso di chiamarlo ateo!