username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Domenico Hawksland

in archivio dal 24 ott 2008

15 agosto 1974, Galway - Irlanda

27 ottobre 2008

Luci nel buio

Dolore
irreale, etereo, impalpabile
quasi invisibile
come un fantasma nell’aria
come il vento fra i capelli
ma incredibilmente vivo, sottile, paziente
quando piangi, e dovresti ridere
quando ridi di lui, ma piangi dentro
dolore
quando non l’aspetti più, eppure sai che arriverà
quando ti fa tremare, ti fa star male al solo pensiero
ma non arriva, e nemmeno dimentica
dolore
quando vivi la realtà, la tua
stella di un universo infinito, che brilla nel buio tra le altre
luminosa, luminose
ma non riesci a vedere la tua luce, né la loro
perché non lo vuoi, non più
dolore
che ti fa crescere, lottare, soffrire, sperare
quando dimentichi i sogni
quando cerchi un perché che non esiste
e non ridi più, e nemmeno piangi
e non più amore, gioia, tristezza, stupore
solamente il nulla che respira indifferenza
dolore
quando qualche stella si spegne
s’arrende al buio opprimente, al freddo, alla solitudine
quando la sua luce s’addormenta, fioca, silenziosa
allora te ne accorgi, ci pensi, torni ad essere
allora torni finalmente a vedere, a sentire, a sognare
allora d’un solo istante ritornano
torna la voglia di brillare ancora
in quell’universo buio, freddo, solitario
eppur sempre e da sempre affollato
di stelle, di luce, di speranze.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento