username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Elio Ria

in archivio dal 19 dic 2006

27 gennaio 1958, Tuglie - Italia

segni particolari:
Ciò che agli altri è comune in me diventa specificità d'interesse e di attenzione.

mi descrivo così:
Lavoro, studio, caffè, sigarette, chiacchiere con gli amici,  scrivo.Leggo le poesie dei poeti antichi e moderni. Studio filosofia. Ascolto la gente per strada, i bambini, gli adulti, gli amici. Prendo appunti. Osservo e annoto. Abbozzo un verso che no so  dove mettere e rimane in attesa…

20 luglio 2012 alle ore 9:05

Il passo della notte

di Elio Ria

editore: Lupo

pagine: 127

prezzo: 11,70 €

Acquista `Il passo della notte`!Acquista!

La notte che dà il titolo a questa raccolta di poesie è la notte dei poeti, il momento in cui l’aria è intrisa di poesia e le anime più sensibili, pronte a captarla, la traducono in versi. Talvolta è la luna stessa a cantare e il poeta a farsi interprete dei suoi suoni sommessi ("Ogni notte è la notte dei poeti che dal rumore sommesso e taciuto della luna traggono un canto"): una luna che è anche spettatrice delle umane vicende, accomodata sulla terrazza del cielo a spiare e a farsi ammirare.
Le poesie notturne di Elio Ria prendono forma fra rivelazioni nel sogno e pensieri sospesi in un tempo che non vuol cedere al sonno. La notte è allora pregna di tormento, di inquietudine, occasione del proibito, che facilmente scivola in malinconia della perdita: è, infine, unica salvezza da un giorno troppo pregno di chiacchiere e di quotidianità insofferente, un giorno che soltanto nel silenzio della notte trova il suo appagamento.
Ria sperimenta e gioca con la lingua, creando talvolta composizioni dal verso lungo e ricco di figure retoriche e termini desueti, ora invece scarnificando il verso, riducendolo all’essenzialità di verbo e sostantivo.  L’attenzione per una musicalità ricercata, non semplice né immediata, caratterizza a livello formale l’intera raccolta.

recensione di Alessandra Gorlero

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento