username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emanuela Lazzaro

in archivio dal 09 dic 2005

15 ottobre 1978, Pordenone

segni particolari:
Mi piace il cinema horror e la musica rap.

mi descrivo così:
Sono un praticante avvocato e scrivo poesie da quando avevo 10 anni, più o meno!

09 dicembre 2005

Addio, Bello Stronzo

Hai spezzato il mio solitario cuore,
ma il tuo sguardo copre sempre le mie ore.
Perdo lacrime: lascia stare, 

sono stanca di barcollare per amore.
Guardo oltre la finestra, nel buio:

donami il fiore, dell'oblio,

ormai l'unico custode,
poiché più non voglio, nè cerco,

neppure di un bacio il calore.

Due esami per finire, 

un' emozione per morire,
ieri eri la mia sola pace,

oggi sei solo un dolore.
Rammenta però questi versi:

scende ogni giorno il sole, nella via,
le mie parole, talvolta, di scherzo

paiono avere un po' l'odore
ma io, scordatelo, non cerco,

non sarò mai un disegno senza colore.
E tu, cosa sei tu?

Un corpo atono, un pessimo attore?
No, sei solo un Bello Stronzo

 ed il gioco non lo vali più.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento