username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Enrico De Santis

in archivio dal 02 nov 2010

25 agosto 1982, Gaeta

segni particolari:
Un buco nero nella testa

mi descrivo così:
Ingegnere, con la passione della matematica, scienza, filosofia e della Conoscenza in generale. Amo il disegno e la scrittura, curo un sito personale (www.sublimina.it) dove di tanto in tanto pubblico articoli riguardo le mie passioni.

05 settembre 2012 alle ore 11:49

Settembre

Un lieve brivido come un sibilo percorre la schiena,
sono alla finestra,
vedo il riflesso smeraldo delle onde,
odo lo sciabordio,
avverto una goccia minuta sul dorso della mia mano.

Le barche cozzano l'un l'altra,
l'ultimo, timido, raggio cocente illumina il tuo volto.
L'aria inonda le narici, una fresca fragranza riempie l' anima.
Suona strana la ripartenza, in fondo è stimolante.

Il vento ronza tra le funi degli ormeggi
e il cielo si ricopre di nuvole cupe.
Cosa rimarrà di questo sole rovente che s'allontana?
L'anima,
come riascolterà le sabbiose e salmastre storie che fuggono via?
Come rivedrà l'azzurro tenue di quelle oziose giornate?
Cosa rimarrà delle ritmiche sensazioni viscerali della musica che è andata?

Uno specchio distorcente, un fosco caleidoscopio.
Sfumature di colore ambigue, 
tonalità sonore stridenti,
percezioni  contrastanti
ingannano la sensazione di quel che è stato.
Pare che non sia stato affatto, in verità.
Musa ti prego, raccontamelo ancora, aiutami a cacciar l'oblio
ridipingi la mia anima, sii cauta però, rispettane la fragilità.

Il campanello alla porta suona, un tenue sussulto. Ecco, sta arrivando.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento