username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Enza Iozzia

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Enza Iozzia

  • 25 aprile 2016 alle ore 21:32
    Giorni

    Non conto i giorni che ci hanno separato... perché mai ci siam lasciati! Non mi mancano i tuoi abbracci... perché mi sono sentita sempre avvolta da quel manto d'amore! Non desidero ardentemente i tuoi baci mancati... perché essi mi sorprendono la notte! Non bramo delle tue carezze distanti... perché sono rimaste intrappolate sulla mia epidermide!

  • 25 aprile 2016 alle ore 21:31

  • 09 giugno 2014 alle ore 7:52
    Soffio ardente

    Accade che il vento soffi ancora,
    e ti celi dietro un grande albero
    per proteggerti.
    E lui soffia forte, impetuoso,
    non hai le forze per reggere.
    Il vento ti lascia lì inerme,
    cambiando direzione.
    Ma era il tuo vento,
    lui furioso alimenta quel fuoco sopito in te.
    Tu nascosto dietro quella quercia che adesso arde come fosse un ramoscello, ti lasci quasi cullare da quel vento che tanto temevi.

  • 16 maggio 2013 alle ore 23:21
    Stregati dall'amore

    Sei meraviglia incastonata nella roccia,
    questa dolce presenza che non è semplicemente stare
    ma quel mal di pancia che ti avverte che la centrifuga delle emozioni è oramai azionata, nessuno la può arrestare.
    Sensazioni sublimi, vita vera e sogni che viaggiano paralleli.
    Sogni che illudono l'anima. Forse sognare è roba per poveri illusi, ma sognare è magia.
    Un bacio che ti rapisce, occhi stupiti che ti osservano come se fossi un ufo, gocce di rugiada su fili d'erba che danzano voluttuosamente, una mano che ti sfiora come se fossi un raro fiore di montagna, semplicemente stregati dall'amore.

  • 16 maggio 2013 alle ore 23:18
    U ritrattu( il portafotografie)

    Ogni matina m 'arrisbigghiu cu na miludia,
    na punta ri suli trasi ra finestra
    e si posa supra a tia.
    du ritrattu n'capu o cantaranu
    ri du juornu filici ca a nozzi vi purtau
    Oh mattri comu si surridenti
    cu l'uocci cini ri felicità,
    a braccettu co ma papà,
    Nu surrisu anticu senza malizia,
    nu sorrisu ca mai ciu vitti
    n'tì la facci ri la terra.
    lu raggiu ri suli stamatina
    bi fa ciù beddi,
    i capiddi ri ma matri a tuppu cugghiuti
    e lu ciuffu ri lu ta sposu pattri miu
    mi potta lu pinzieri a lu cinema ri di tiempi.
    E' comu nu proiettori,
    stamatina ntì du fasciu ri suli viru
    ma matri ca travagghia a machina,
    pi cusiri a cammisa a ma patri e,
    a sira che ugghi a causetta ci fa!
    e mentri lustru a cunnici
    taliu cu pinsieri r'amuri,
    i sa labbra sempri surridenti
    si muovunu e aciddu aciddu mi rici:
    grazzi ri cori figghia
    si tutta a vita mia.

  • 16 maggio 2013 alle ore 23:08
    A ciaraula(la zingara)

    Mentri caminava pi la strata,
    na ciaraula mi pigghiau la manu
    mi voli legghiri la vintura
    a mia mi fa pena sta criatura.
    Taliu i sa uocci e viru
    ca è na picciuttedda senza futtuna.
    A casa quattru nuccintuli
    e maritu ca nu canusci travagghiu
    ntì lu vinu antrummia senza rispittari
    la so ciaraula ca va pà via
    e se nun potta cocca spicciulu
    a fini ri la jurnata su cauci e pugna
    inveci ra minestra cauriata,
    Ci strinciu la manu e cu l'uocci
    ci mannu masuni
    cu la spranza ca stu turmientu finisci
    pi sta fimmina
    ca nu nè comu all'autri,
    ma na gran fimminuna cu la fozza
    ri crisciri i sa criauteddi.

  • A FIGGHIA RI LU CIUMI IRMINIO
    A lu tramuntari ri lu suli
    na picciuttedda si sprogghia
    pa rifriscarisi ni l'acqua ri lu ciumi,
    Nun lu fa pi siri taliata,
    idda voli sulu n'suonnu
    e nun ci riciti ca è miegghiu u mari
    picchì nun voli natari
    ciabbasta sulu ca lu ciumi la fa n'acari,
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    Ogni sgricciata r'acqua alluntana li pinzieri ra jurnata,
    taliatila ri luntanu,nu vi pari na fata?
    Si fici tanta strata p'arrivari finu a ca'
    attravirsannu munti e cuticci.
    Nun faciti i miscammicci!
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    Canta li sa sonna,
    scurdannisi qual è a virità e pinzannu a lu futuru
    ri tanti culura,
    abbatti ogni muru.
    S'abbrazza sula forti forti,
    chi sapiti quali sarà a so sorti?
    E sguazzaria, sguazzaria, comu s'arricria!
    e mentri u suli s'arriposa.

  • 25 aprile 2013 alle ore 12:12
    Il vestito rosso

    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Semplice, anche del mercato, ma non me lo comprarono.
    Non lo volevo stretto, ma lo volevo tutto mio.
    Lo volevo sbracciato e scollato,
    un vestito per farmi guardare.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Semplice e senza malizia, ma non me lo comprarono.
    Lo volevo per essere unica, nessun'altra lo doveva avere come me.
    Lo volevo davvero quel vestito.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Mi dissero che il vestito rosso era per le donnacce.
    Lo volevo davvero quel vestito.
    Ho comprato quel vestito,
    e lo indosso come la mia seconda pelle,
    non importa se sembro una donnaccia,
    ma con quel vestito
    mi sento la bambina che ha ottenuto il suo regalo.
    Da piccola volevo un vestito rosso.
    Ma mi comprarono le scarpette rosse.
    Lo voglio anche per quel giorno, quando mi seppelliranno
    per sempre!
    Lo volevo davvero quel vestito.

  • 25 aprile 2013 alle ore 12:01
    Il cuore come una stanza

    Non soffocarmi il cuore, ogni tanto lasciami respirare... Il cuore è come una stanza, ogni tanto va arieggiato!

  • 21 gennaio 2013 alle ore 22:40
    Cuori imbalsamati

    Cuori imbalsamati incapaci di piangere,
    cuori senza il battito dell'amore.
    Una sola anima in apnea, incapace di ascoltare l'amore.
    Cuori imbalsamati, incapaci di urlare, reagire, illudersi, respirare il profumo dell'amore.
    Cuori imbalsamati che non conoscono che cammini tortuosi, vie ripide.
    Cuori imbalsamati oggi disposti a un sorriso, un sorriso che vi addolcisca anima, corpo, mente e palato!

  • 15 gennaio 2013 alle ore 18:37
    Un vestito su misura

    Prendimi per mano, scortami nel grigiore della nebbia che mi avvolge. Il vuoto intorno impoverisce la mia anima, stammi vicino, addosso come un vestito fatto su misura, che mi avvolga e mi coccoli. Percorriamo lentamente la via, a piccoli passi, in quel percorso troveremo quella luce che da tempo cercavamo.

  • 26 dicembre 2012 alle ore 11:45
    La porta della vita

    Si rici ca si ciuri na porta e si rapi nu purticatu.
    Ma l'amuri si po' paragonari a na porta?
    Nun sacciu a viatri ma a mmia picca m'amporta.
    Tuppulia accussì forti
    u ma cori ca mi pari ri nun sentiri a morti.
    A ma porta è sempri spalancata
    e c'è puostu pi amici e pi cu si senti scunsulata.
    Rapitimi u purtuni, cu firucia trasiemu
    e cu alligria nisciemu.
    Purtati a vostra pacienza
    e nun vi fati fregari ra indifferenza.
    Accomodatevi, lievu puri u tappitu
    e mettu pampini ri ciuri profumatu.
    Lassu a porta a filazza,
    ma nun mi faciti nesciri pazza!
    TRADUZIONE: Si dice che si chiude una porta e si apre un portone. Ma l'amore si può paragonare ad una porta? non so a voi ma a me poco importa.Bussa così forte il mio cuore che mi sembra di non sentir la morte.L mia porta è sempre spalancata e cè posto per amici e per chi si sente sconsolata.Apritemi il portone, con fiducia entriamo e con allegria usciamo.portate la vostra pazienza e non fatevi fregare dall'indifferenza.Accomodatevi, tolgo pure il tappeto e metto foglie di fiore profumato.Lascio la porta socchiusa,ma non mi fate uscire pazza!

  • 28 novembre 2012 alle ore 21:34
    L'orologio della vita

    Si scaricau a batteria no ralogghiu a cangiai, ma u stissu nun funzionau.
    I lancetti accuminzaru
    a girari o cuntrariu. Ma c'agghia fari pi firmarli? Cangiu a batteria arrieri, e u tiempu a riturnau a scurriri , pari ca voli curriri, pi farimi divintari veccia ma spieru senza suffriri.
    Ci rimettu a batteria ca o facia iri o cuntrariu e addivientu na picciuttedda cuntenta e senza pinzieri.
    'Nsuonnu riciti? ma ci voli accussì picca pi siri filici!

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:33
    Pioppo

    Sutta na maccia ri Pioppo m'arripusai.
    I sa pampini o viestunu a festa, si pripara pi na estati ri piaciri.
    Sutta na maccia ri Pioppo 2 ziti si talienu e s'annamurunu.
    Si senti na musica, è lu vientu ca accarizza li sa pamipini, mi veni na nostalgia, ora ca estati si finisci e li sa pampini si ni vuolunu luntanu.
    Ma è la ligghi ri Matri Natura, arriva l'autunnu e puoi attorna a primavera, e ri pampini nuovi si vesti u Pioppo...e ancora autri ziti si mettunu sutta a maccia a parrari, e progettari u futuru ca li aspetta.

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:26
    la nuova alba

    Osservo l'orizzonte e scorgo una nuova alba
    dopo tanta sofferenza
    e tanta indifferenza.
    E' la natura, non esiste notte senza alba.
    Non esiste buio senza luce.
    Non riesco a piangere, e cerco di reagire
    per affrontare una nuova vita intensa
    che va vissuta con la luce del mattino
    senza pessimismo ma tanto ottimismo
    e sono certa che essa stessa mi offrirà una ricompensa.

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:24
    A ficu

    A tia ca ti pari ca iu aspiettu a ficu ca scinni na ma ucca.
    E vossia ni voli assaggiari rui prima ca si va cucca?
    Ci a puozzu offriri janca o nivira.
    Oppuri prifiriti gustarla direttamenti ra maccia?
    Nun pigghiativi pena continuati ca vostra caccia!
    Iu va cuogghi no mumentu giustu pi pripari a marmillata,
    e se aspittati vi cuntu na passata.
    Turnati appriessu ca ni lassu o suli quarcaruna
    e vi fazzu truvari li passiluna.

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:23
    muru a siccu

    Lu suli forti ogghi spacca li pettri,
    e 'na lucertola spunta ogni tri mettri,
    ma li mura a siccu fatti
    cu pitruddi arricughiuti 'nte vignala e puoi 'ncugnati
    nuddu li smovi , parunu disignati.
    Li vavaluci s'ammucciunu ne cantuneri
    e ogni tantu affacciunu li corna e si ni vannu pieri pieri .
    'Ntiempu ogni quattratu avia statu lassatu
    e nuddu riclamava stu turrinu scunfinatu.
    Li mura a siccu nun parrunu sulu a cu li sapi capiri
    e la terra arraccamunu cu disigna a nun finiri.
    Ah se putissi 'n juornu siri vurrucatu 'nta la gnuni terra mia ca mi rasti sulu l'Amuri.

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:20
    U basilicò

    U basilicò
    nun ce nuddu ca nun ni vò!
    Fu purtatu ri Alessandro Magno nei tiempi antichi
    accussì priziusu ca o mintunu macari ne viddichi.
    E sienti u sa ciauru
    quannu c'è cauru.
    U cianti no tirrazzu co friscu
    e unni o metti e metti sienti nu arrifriscu.
    A morti sua è na pasta co pummaroru
    ma atu provatu ammienzu o bruoru?
    Se puoi u vuliti pistari
    veni fora na pietanza ca vi fa arricriari.

  • 11 novembre 2012 alle ore 18:16
    Oltre la normalità

    Altro che passione
    e pentole a pressione.
    Mi basta un tuo sorriso
    e si illumina il mio viso.
    E mi rendo conto
    e non vuol esser un affronto
    che non sei tu ad aver bisogno di me
    ma sono io che ho bisogno di te.
    Tu che non guardi alla tua sorte
    e mi insegni a vedere oltre.
    Arruga la tua fronte
    e osserva oltre l'orizzonte.

  • 10 novembre 2012 alle ore 22:31
    Dolce dondolio dei ricordi

    Nella valigia dei miei sogni, odo un dolce dondolio proveniente dalle onde del mare,
    nella borsa dei ricordi, osservo il triste dondolio della bambina strappata alla culla,
    nella cesta della fortuna, sfioro il profumato dondolio di amori passionali,
    nella cassetta della vita, tocco attimi di felicità dondolandomi qua e là.

  • 04 novembre 2012 alle ore 20:28
    40... un fior che si vanta

    Ebbene sì, sono quaranta
    e sfido a chi non se ne vanta!
    Vivo i miei anni come petali di fiore
    e ogni giorno ne scopro un singolo colore.
    Forse non sarò all'altezza
    ma respiro tanta saggezza.
    Non li lascerò correre via,
    scatenerò la mia fantasia.
    E a chi mi dice che la bellezza sfiorisce,
    io rispondo che un fiore amato non appassisce.

  • 28 ottobre 2012 alle ore 21:55
    Candido fiore

    Sei stata bambina
    ma non lo ricordi.
    Alla tua memoria riaffiora
    la trappola nelle sue mani callose.
    Scappa, scappa bambina e la bestia non ti troverà.
    Nei tuoi occhi da cerbiatto tanta paura, tanto dolore ma lui non si fermerà.
    Ora il tuo candido fiore è macchiato di rosso, ma l'innocenza
    rubata mai sarà dimenticata nella tua esistenza.
    Scappa, scappa bambina e la bestia non ti troverà.
    Non vergognarti, diventerai donna e il tempo
    saprà lenire la tua rabbia, non è colpa tua.
    Alza lo sguardo e sii fiera di te stessa, nel mondo
    non solo bestie, ma in mezzo a loro si nasconde anche l'uomo che ti amerà 

  • 04 agosto 2012 alle ore 1:05
    Peperoncino

    Appena sfiora il tuo palato percepisci il suo sapore piccante,
    sincero, verace.
    Lo osservi nel suo magnifico color rosso rubino,
    e ti accende quella voglia di gusto sopraffino.
    Chi sa accogliere il suo gusto rimane incantato da quel pizzicorino
    che incendia le labbra
    e scioglie gli indugi alle tenere voglie.

  • 25 luglio 2012 alle ore 22:25
    Ricordi

    Non posso più sentire la tua voce, 
    ma le tue parole echeggiano 
    nel mio cuore,
    Non posso più guardarti negli occhi
    ma il tuo sguardo continua
    ad accarezzarmi.
    Non posso più sfiorare le te labbra,
    ma il ricordo dei tuoi baci 
    scalderà per sempre
    il mio animo.

  • 20 luglio 2012 alle ore 8:36
    Cuvuna ruci ruci

    Lu suli iautu 'ndi lu cielu azzurru m'accarizza ruci ruci,
    nu ciauru si senti ri luntanu, e si ni acciana iautu iautu. E' lu ciauru ri lu frienu.
    E pienzu ca rarrieri a sti cuvuna ci possiri ammucciatu nu picciriddu ca joca, nu jattarieddu ca fa li fusa, o nu zitu cu na zita ca si vasunu, ma sicuru rarrieri a stu frienu c'è lu sururi ri nu contadinu annamuratu ra sa terra.