username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Enzo Cagnetti

in archivio dal 03 mar 2007

28 aprile 1965, Roma

03 ottobre 2007

Il giorno che cambia

di Enzo Cagnetti

editore: UNI Service

pagine: 150

prezzo: 12,00 €

Acquista `Il giorno che cambia`!Acquista!

Enzo Cagnetti è un autore che prende il lettore letteralmente per mano e lo accompagna in un viaggio onirico, che oscilla tra metafisica e concetti esistenziali. Il tutto con una scrittura sobria, semplice e diretta.
La vita di Marta - la protagonista - sembra all’apparenza normale: lavoro, fidanzato, casa e altre abitudini del quotidiano. Ma un giorno qualcosa cambia e, dopo momenti in cui si rasenta il terrore per un cambiamento avvenuto, inizia un viaggio che non finisce tra queste pagine, ma continua nella vita del personaggio, continua nelle nostre vite; quando la fretta e gli impegni di tutti i giorni si bloccano per un istante e si inizia a riflettere su noi stessi e sul senso del nostro essere.
L’estro letterario di Cagnetti sta in una commistione notevole tra la fantasia dell’intreccio narrativo e una sicura direzione nella quale vuole accompagnare il lettore, intento a essere stupito per l’ennesima volta, per i continui colpi di scena del romanzo.
Da un mondo che molti considerano piatto, come quello della rete, a una storia che nasce proprio da lì: da una chat, da personaggi nascosti dietro ai loro nickname. Tutto ciò non rimane dietro lo schermo, ma apre la porta di casa e inizia “Il giorno che cambia”, inteso come il giorno di una nuova vita, il giorno che porta a termine una vecchia vita, o ancor meglio, un giorno come tanti altri ma così diverso dagli altri.
La fatica letteraria di Cagnetti è un romanzo denso, pregno di spunti da raccogliere, di soluzioni da interpretare. Per questo si consiglia una lettura attenta, senza farsi prendere troppo dagli accadimenti, ma entrando nella scrittura di Cagnetti in punta di piedi, cercando di comprendere il messaggio dello scrittore, ma ancor di più la consapevolezza di noi stessi.

recensione di Paolo Coiro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento