username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 15 mar 2002

Ernest Hemingway

21 luglio 1899, Oak Park, Illinois - Stati Uniti
02 luglio 1961, Ketchum, Idaho - Stati Uniti
Segni particolari: Nobel nel 1954. Pensate, mi ha incoraggiato a scrivere Ezra Pound.
Mi descrivo così: Cinico o semplice ed elementare, dipende dalle circostanze.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
elementi per pagina
  • C'erano Ike e Tony e Jaque e il sottoscritto
    Che giravano per il centro di Schio
    Tre giorni di licenza e ti senti un gran dritto
    Sbronzi duri ma l'occhio aperto e fitto
    Si guardava com'erano fatte, santo Dio

    Perché la faccia non interessa quando hai solo tre giorni
    di licenza
    Né ad Ike né a Tony né a Jaque né al sottoscritto.
    La faccia è gratis, la guardi, ne hai diritto
    Ma una caviglia ti costa sofferenza
    Perché la caviglia è un segno.

    Buono è il cognac anche se Martel non è,
    La caviglia ha segreti che tiene per sé.
    Certe volte li serba, o li scambia con te.
    Fra tre giorni saremo di nuovo all'inferno, ecco perché
    Non ce ne importa un fico se anche lei Martel non è.

     
  • 11 aprile 2006
    Su un giornale...

    Su un giornale
    Ho visto la foto di un manganello,
    Coperto di borchie di ferro
    E con un chiodo d'acciaio sulla punta.
    Ho pensato:
    Dio, farlo dondolare sarebbe proprio bello;
    E avevo una gran voglia d'impugnarlo
    E sentirlo scricchiolare sulla testa di qualche unno-
    Preferibilmente disarmato -
    E un altro
    E un altro, e un altro.
    Dio, non sarebbe bello?
    - Sfondare il cranio,
    - E vederne sprizzare il sangue come quando accoppano i manzi
    al mattatoio?
    Se gridasse "Kamerad",
    Dài !
    Lo stesso pomeriggio ho visto uno svedese,
    Alto e biondo, la faccia di bambino,
    Ubriaco, resisteva a tre poliziotti
    Che cercavano di estrarlo dall'auto.
    Il più grosso ha calato lo sfollagente sulla testa del ragazzo,
    Con un colpo che si è sentito fino a qui;
    Non il lugubre "bonf" di un manganello
    Ma uno sparo
    Poi tutti l'han percosso e lui è caduto,
    L' hanno tirato su per una scala,
    Col viso insanguinato che sbatteva, sbatteva, sbatteva,
    Sui gradini.
    Gesù! Sono io quello
    Che voleva adoprare
    Il manganello?

     
  • Tutti gli eserciti sono uguali
    E' quel che sembra e non quel che vali
    L'artiglieria fa il solito rumore
    Attributo dei giovani è il valore
    Stanchi sono gli occhi dei vecchi soldati
    Gli rifilano le solite menzogne
    Le mosche han sempre amato le carogne

     
  • 11 aprile 2006
    Roosevelt

    I lavoratori credevano
    Che spezzasse i monopoli,
    E mettevano in vetrina il suo ritratto.
    "Cosa non avrebbe fatto in Francia ! "
    Dicevano.
    Forse sì…
    Forse sarebbe
    Morto,
    Anche se i generali muoiono quasi sempre nel loro letto,
    Come alla fine è toccato anche a lui.
    E tutte le leggende che ha fatto nascere in vita sua
    Continuano a vivere e prosperare,
    Per nulla ostacolate dalla sua esistenza.

     
  • Ci hanno potuto;
    Il re e la patria,
    Cristo Onnipotente
    E tutto il resto.
    Patriottismo,
    Democrazia,
    Onore…
    Parole e frasi,
    Ci hanno ferito o ucciso.

     
  • 11 aprile 2006
    Montparnasse

    Non ci sono mai suicidi nel quartiere tra la gente che si conosce
    Suicidi riusciti.
    Un ragazzo cinese s'ammazza ed è morto.
    (continuano a mettergli la posta nel casellario al Dome)
    Un ragazzo norvegese s'ammazza ed è morto.
    (nessuno sa dov'è andato l'altro norvegese)
    Una modella , la trovano morta,
    sola nel suo letto e morta assai.
    (e non parliamo dei fastidi che tutto questo ha dato
    alla concierge)
    Olio d'oliva, bianco d'uovo, senapismi, schiuma di sapone
    E sonde gastriche salvano la gente che si conosce.
    La gente che si conosce la si trova ogni pomeriggio al caffè.

     
  • Lo so che i preti si masturbano di notte,
    Che i gatti fottono,
    E le ragazze non sono marmotte,
    E tuttavia
    Che cosa posso fare
    Per aggiustare le cose se son rotte ?

     
  • Goccioline di alcol di grano
    Di un sorso di grappa il pimento
    Fanno venire grandi idee
    Fanno venire il doppio mento…
    Dell' Algonquin nel raccoglimento
    La Parker coccola il suo cane Robinson
    Traendosi dal peccato a salvamento
    Il signor Hemingway porta gli occhiali
    Dei suoi critici per baciare meglio i culi…

     
  • Di un forestiero

    Mi piacciono gli americani
    Sono così diversi dai canadesi.
    Non prendono sul serio i loro poliziotti.
    Vengono a Montreal a bere.
    Non a criticare.
    Dicono di aver vinto la guerra.
    Ma dentro di loro sanno che non è vero.
    Hanno un tale rispetto per gli inglesi.
    Amano vivere all'estero.
    Non si vantano dei bagni che fanno.
    Ma li fanno.
    Hanno denti così sani.
    E portano la maglietta tutto l'anno.
    Vorrei solo che non se ne vantassero.
    Hanno la seconda marina del mondo.
    Ma non ne parlano mai.
    Vorrebbero Henry Ford come presidente.
    Ma non lo eleggeranno.
    Hanno capito il gioco di Billy Bran.
    Di Billy Sunday si sono stufati.
    Gli uomini hanno dei tagli di capelli così buffi.
    E' difficile imbrogliarli sull' Europa.
    Ci sono già stati.
    Hanno prodotto Barney Google, Mutt e Jeff.
    E Jiggs.
    Non impiccano le assassine.
    Le mettono nel vaudeville.
    Leggono il Saturday Evening Post
    E credono a Babbo Natale.
    Quando fanno quattrini
    Fanno un mucchio di quattrini.
    E' brava gente.

     
  • 11 aprile 2006
    Mi piacciono i canadesi

    Di un forestiero

    Mi piacciono i canadesi.
    Sono così diversi dagli americani.
    La sera tornano a casa.
    Le loro sigarette non puzzano.
    I loro capelli sono della misura giusta.
    Credono davvero di aver vinto la guerra.
    Non credono nella Letteratura.
    Pensano che con l'Arte si sia esagerato.
    Ma sono fantastici sui pattini da ghiaccio.
    Pochi di essi sono molto ricchi.
    Ma quando sono ricchi comprano più cavalli
    Che automobili.
    Chicago dà a Toronto della città puritana.
    Ma l'ippica e la boxe sono illegali
    A Chicago.
    La domenica nessuno lavora.
    Nessuno.
    Questo non mi dispiace affatto.
    C'è un solo Woodbine.
    Ma ci siete mai stati al Blue Bonnets?
    Se nell' Ontario ammazzi uno con la macchina
    E' facile che ti mettono in galera.
    Così tutti sono molto prudenti.
    Sono più di 500 le vittime di incidenti automobilistici
    A Chicago
    Quest'anno.
    E' difficile arricchirsi in Canadà.
    Mentre è facile far quattrini.
    Ci sono troppe sale da tè.
    Ma poi non ci sono cabaret.
    Se dai al cameriere un quarto di dollaro di mancia
    Ti dice "Grazie."
    Invece di chiamare il buttafuori.
    In tram non cedono il posto alle signore.
    Anche se sono belle.
    Hanno tutti una gran fretta di tornare a casa per la cena
    E per ascoltare la radio.
    E' brava gente.
    Mi piace.

     
  • Non fidarti d'un bianco,
    Un ebreo non ammazzare,
    Non firmare mai un contratto,
    Un banco in chiesa non affittare.
    Non arruolarti nell'esercito;
    Pigliare troppe mogli non bisogna;
    Non scrivere mai per le riviste:
    Non grattarti la rogna.
    Metti sempre una carta sul sedile del cesso,
    con la guerra sta in campana,
    Tieniti pulito , non essere malmesso,Non sposare una puttana.
    Non pagare i ricattatori,
    Gli avvocati tieni a bada,
    Non fidarti degli editori,
    O finirai in mezzo a una strada.
    Tutti gli amici ti lasceranno
    Prima o poi moriranno, lo sai,
    Che la tua vita sia sana e pulita
    E in paradiso li ritroverai.

     
  • 11 aprile 2006
    Augurio

    Per un certo signor Lee Wilson Dodd e chiunque
    Tra i suoi amici lo desideri.


    Canto per i critici
    Con le tasche piene di ranno
    Ventiquattro critici
    Che con me ce l' hanno
    Sperano che crepi
    Che ti lasci andare
    Per poter essere i primi
    I primi ad annunciare
    Ogni sintomo di debolezza o di rapido declino.
    (Sono tutti uguali, il tedio è genuino,
    sordide catastrofi, bara col destino,
    gente volgarissima, personaggi da strapazzo,
    tossicomani, soldati , prostitute,
    uomini senza cazzo *)
    Se non vi garbano , io certo non vi adulo
    E invece d' un consiglio mi compiaccio
    Ficcateveli su per il culo
    Questo , ragazzi, è l'augurio che vi faccio.

    *...

     
elementi per pagina