username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ernesto Guevara de la Serna

in archivio dal 10 dic 2005

14 giugno 1928, Rosario de la Fe - Argentina

09 ottobre 1967, Bolivia

segni particolari:
Ho cercato di portare la rivoluzione ovunque per combattere i soprusi e far trionfare i diritti dei più deboli.

mi descrivo così:
Medico, argentino, motociclista, guerrigliero, rivoluzionario, cubano, presidente del Banco Nacional, ambasciatore, ma soprattutto uomo.

05 aprile 2006

E qui

«Sono meticcio»,grida un pittore dalla tavolozza accesa,
«sono meticcio»,mi gridano gli animali perseguitati,
«sono meticcio»,declamano i poeti peregrini,
«sono meticcio»,riassume l'uomo che mi incontra
nel dolore giornaliero d'ogni angolo,
e perfino l'enigma di pietra della razza morta
accarezzando una vergine di legno dorato:
«è meticcio questo grottesco figlio del mio ventre».
Anch'io sono meticcio in altro aspetto:
nella lotta in cui uniscono e respingono le due forze
che si contendono il mio intelletto,
le forze che mi chiamano assaporando
delle mie viscere lo strano sapore del frutto
imballato prima di prenderlo maturo all'albero.
Mi volgo nel limite dell'America ispana
ad assaporare un passato che ingloba il continente.
Il ricordo sfugge con soavità indelebile
come il suono lontano di una campana

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento