username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Eugenio Nascimbeni

in archivio dal 02 apr 2013

27 giugno 1960, Milano - Italia

mi descrivo così:
Amo leggere, scrivere, ed ascoltare rock e blues: Bruce Springsteen è il mio oggetto di culto. Ho debuttato in campo letterario nel 2007 con un thriller edito da Facco Editore. Nel 2012 ho pubblicato altri 2 romanzi con Lettere Animate e Falzea Editore. Sul mio sito l'elenco dei miei libri.

02 aprile 2013 alle ore 18:35

L'angelo che portava la morte

di Eugenio Nascimbeni

editore: Lettere Animate

pagine: 189

prezzo: 11,05 €

Acquista `L'angelo che portava la morte`!Acquista!

L’angelo che portava  la morte, un thriller mozzafiato scritto abilmente da Eugenio Nascimbeni che lascia fino alla fine enigmatica la figura omicida.
E' tra leggenda e usanze rituali della Sardegna rurale, che ruota la descrizione di questo libro, tanto da poter essere la sceneggiatura realizzabile di un futuro film.
Scorrevole, ironico, estremamente scrupoloso nel “mascherare” il nome dell’"ombra", che agisce di notte, provocando la "dolce morte".
Un tema  attualmente scottante, come quello dell’eutanasia, che si mescola ai riti passati, atti a voler fermare i patimenti di anziani, presenti nella casa di cura di Villa Azzurra; immersa nella ridente Alghero.
Un caso da risolvere che coinvolge la curiosità del protagonista: lo scrittore affermato Giorgio Ferrandi, che parte dalla rumorosa e caotica città di Treviglio, per raggiungere le diverse abitudini dell’isolana terra.
Un rincorrere di profumi e sapori, di colori marini che riscaldano la scena e tetralizzano la figura sacra-profana dell’"accabadora”.
Il mistero della vita spezzata a creature agonizzanti, legato a una catenina d’oro scomparsa, da cui pende un medaglietta impressa l’immagine della Beata Vergine.
Interrogativi della coscienza, gli scrupoli, i segreti che scritti nella storia della memoria o legati a entità fantastiche, documentano le tracce di un tempo.
Boccate di sospiri e abbozzi di rivelazioni, per arrivare a ciò che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento