username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Fabia Muscariello

in archivio dal 06 nov 2009

12 luglio 1981, Gaeta (LT) - Italia

mi descrivo così:
Io la vita me la godo... io la vita me la soffro....

17 novembre 2009

Due in uno

Accuso un po’ di stanchezza. Si chiama pesantezza.
Qualcuno mi ha omesso l’altra parte.
Io mi sento il taglio che tenta la ricucita.
Ma ho recipienti, tasche, sacchetti
e vani pieni di buoni propositi.
Ora che provo ad osservarmi
muoiono le domande su di te.
Diventi un riflesso perduto del cielo.
Quelle nuvole così orgogliose e definite
Sono pronte a inaugurare
il passaggio dal silenzio alla calma.
Perché i miei fianchi sono la giusta misura
per esser donna adesso,
la bugia ben detta.

 

E mi ricordo le mani, le ciglia, i nei
e coloro che mi consigliavano di avere paura di te.
E ti credo ancora e non capisco il tono dell’assenza,
e non sento intermezzi tra te e me.
L’unico vincolo è la lettura.
L’unico ostaggio la mia anima.
E allora scappa lei.
Fugge via codarda.
Si rintana e piagnucola come una poveretta.
La stringa delle scarpe l’ha gestita il tempo.
Le ali son volate.
Si è nascosta la dannazione, mentre sgocciolavo sogni infranti
e adesso signori miei scusatemi ma ho bisogno di vomitare la mia rabbia,
arriva il getto dopo giorni di mutismo ingiustificato.
Dove abita la possibilità di una parola non detta.
Questa sarà la mia ricerca,
l'assordante verità.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento