username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federico Sciapeconi

in archivio dal 30 giu 2006

Monfalcone

segni particolari:

mi descrivo così:

11 gennaio 2007

L'anima nel campo

Intro: Un ricordo struggente, caldo e romantico accompagna un uomo per tutta la vita e va oltre la semplice idea di possesso: ciò che ti appartiene dentro rimane tuo per sempre.

Il racconto

Ogni tanto lo faccio di tornare là, nel campo; ormai non è più della mia famiglia da molto tempo, ma i proprietari mi permettono di venire a dare uno sguardo di quando in quando.
Ci vado verso sera, prima che il sole tramonti e scompaia definitivamente dietro le colline, che delimitano i confini della vigna, prima che la notte se lo porti via, lasciando la luna ad illuminare l'erba.
Me ne sto in silenzio ad ascoltare i rumori delle cicale che saltano qua e là tra i ciuffi dei cespugli, il cinguettare degli uccelli che volano armoniosamente nel cielo sopra la braida e poi se tendo l' orecchio posso sentire anche il fioco rumore del vento che accarezza le fronde degli alberi,allora, a quel punto, suoni, odori e colori si fondono assieme e danno vita ad una serie di ricordi che si accendono davanti agli occhi, e si susseguono uno dopo l'altro a cadenza determinata, come se stessi vedendo delle diapositive. Sono le immagini della mia vita, una vita trascorsa in questo campo.
Pian piano poi mi muovo e inizio a passeggiare tra i filari, lentamente,immaginando l'emozione che mi potrebbe dare il gesto di tagliare un grappolo d'uva, e una lacrima mi scende sul viso.
Ormai sono troppo vecchio per dedicarmi all'agricoltura, e certo non potrei mettermi a vendemmiare, ma ancora oggi, quando tutte le persone che ho amato e odiato in vita sono scomparse, so che il solo gesto fatto con le forbici per staccare un acino d'uva dal grappolo, potrebbe donarmi un senso di gioia e contentezza. D'altronde questo è il mio mondo, il campo è il mio mondo.
Così mentre sto per andarmene, mi guardo indietro, mi asciugo le lacrime e scorrendo con lo sguardo ogni singolo ettaro, anche quello più lontano, di questo terreno, li posso rivedere tutti nitidamente, uno dopo l'altro, i miei cari, in questo campo.
E so, quando me ne vado,che lascio lì sempre qualcosa, è la mia anima. La mia anima è nel campo.

Commenti
L'autore ha scelto di non ricevere commenti