username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Filippo Gigante

in archivio dal 07 nov 2011

10 febbraio 1983, Alberobello (BA) - Italia

segni particolari:
Ciuffo bianco naturale tra i miei capelli neri.

mi descrivo così:
Nato ad Alberobello (BA) nel 1983. Le mie passioni si diramano nella Comunicazione Digitale, nell'Editoria Libraria e Multimediale, Social Media, Cinema e Teatro. Scrivo canzoni, poesie e romanzi. Autore di BIANCO E NERO (Lettere Animate, 2014) e LA PISCINA DELLE MAMME (Lettere Animate, 2013).

29 marzo 2012 alle ore 20:07

La follia dell'amore

Cos'è questo luccichio che leggo nei tuoi occhi
se non la nascita di una lacrima che non sopporti
E si ripete la stessa storia del tuo dolore
che sempre ritorna con le amare parole
come quelle che ispirano una canzone triste
come quelle che fanno male
più di ogni altro gesto o discussione...
Cos'è questo silenzio che attorno si espande
come se fossimo stati sommersi nelle profondità
di un oceano appena mosso dai nostri piccoli errori ?
E questa improvvisa musica che sembra provenire
da un pianoforte impazzito
che non tenta a fermarsi
è forse la risposta ai tuoi silenzi?
Non leggo che rancore nel tuo cuore
non sento che poesia nel tuo animo
che tace, attende e sospetta la nostra stessa follia
che vuol provare a comprendere tutta la vita
in poche briciole di tempo
senza sosta
senza riflettere nemmeno per un momento.
E poi sorridi senza motivo
e mi rendo conto di poter continuare a sognare
restando a guardarti senza parlare
e sarà forse l'essenza del mio amore
che mi sconvolge restandoti vicino...
sarà sempre la solita follia di voler tentare
sempre e comunque... semplicemente ad amare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento