username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Fiorella Cappelli

in archivio dal 23 apr 2012

18 ottobre 1953, Roma - Italia

segni particolari:
Nel Comitato dei Lettori dal 2014.

mi descrivo così:
Poetessa, scrittrice, recensionista e giornalista free-lance. Tanta passione  per la scrittura: poesia in lingua e in vernacolo romanesco, narrativa, aforismi; amore per la lettura. Organizzatrice di eventi culturali, mostre d'arte e presentazioni libri. 

19 agosto 2012 alle ore 12:07

'Na Viola der Penziero Mio

Tu penza a me, io penzo a te.
Ce cùnnola l’amore
che io pe’ te, già so’ d’avé
libberato ne ‘sto fiore.

Quanno Roma era Imperiale,
a marzo, co’ un ber sole
un pino origginale
coperto da le viole

annàva in processione
manco fusse un capitello,
pe la resurrezione
de Attis, er Dio bello.

E’ piccola, ‘sta viola…
ma cià ‘na granne storia
a Cupido poi je vola
‘na freccia, e la memoria

se fionna sur… penziero
e l’anima sollèva.
‘Sta pianta, dico er vero…
oggi propio ce voleva!

Da una libera ispirazione di “VIOLA” – Roma Sparita

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento