username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Pellegrino

in archivio dal 27 giu 2006

05 novembre 1974, Taranto

05 luglio 2006

Premonizioni d'infinito

Non dormivo
sebbene me ne stessi
con la testa sul lato buono del collo
e non arrivandovi con le labbra
schiudevo sogni ovunque gli occhi chiusi
posassero le ali.

Chi mi vide
poteva coprire solo uno dei due seni
e non c'era neanche da pensarlo
che quello nudo
fosse ruggine d'amore

perché erano premonizioni d'infinito
le perle in fila
che lasciava sulla pelle.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento