username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 04 gen 2013

Francesco Giampietro

16 agosto 1992, Napoli - Italia
Segni particolari: Tanta voglia di cambiare.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 04 maggio 2013 alle ore 4:41
    Schivo scrivo

    Schivo scrivo un racconto diverso,
    attento sfuggo alla morsa di questo universo.

    scrivo ma il mo foglio resta bianco,
    indicando una matura voglia di cambiamento,
    disteso lungo i margini di un banco,
    rifugge scacciando gli effimeri del firmamento.

    Non restano più dolci affilate parole,
    non quando le si dà sempre via per le spade,
    al soldo di chi le rende vuote e sole,
    tacciono i deboli finchè non riempiono le strade.

    Schivo scrivo ma resto immerso
    nel racconto che più mi rende perverso.

    Son favole o promesse non fa differenza,
    ora restan le ceneri e poco altro importa,
    un mondo dipinto con la su indipendenza,
    un fondale stampato che alla fame riporta.

    Svelto, impeto di lino, slancio di fango,
    corri, non lasciar che corrompino il tuo sogno,
    ancora nel vento balla il tuo tango,
    ancora nel fulmine esaudisci i tuo bisogno.

    Schivo scrivo una speranza in un verso,
    son sempre io che il mio cuore riverso.

    Un cielo assai differente confonde,
    le colline al di là delle case,
    l'ombra che genera e infonde,
    distese d'idee in cerca della giusta fase.

    Inserisco nel conto anche questo,
    un giorno di nuovo mi sveglierò presto,
    cercando di scrivere assai più che solo un testo,
    conscio che sempre sarò quel che resto.

    Schivo scrivo ma ora l'ho perso,
    schivo e chino su questo universo.

     
  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:59
    Sta' terra mia

    Sento ancora stu dulor mentr prov ò vvott afor,
    e' parol so' sempe poche ma comunq' mo' ce prov,
    l'aria manc a chi nun ten chiù speranz
    ogni istant comm a nu cazzott rind a' panz,
    ò suror ormai è normal, ò sfuorz è diventat recidiv
    pe' chi se vulesse sentì ancor viv.

    parol, parol viaggen rint à cap,
    comm à nu treno ca nun tene chiù fermat,
    pensann à na storia continuament ripetut,
    comm' a nu film vist già nu milion e vot,
    ma stu pensier è pe sta terra mij,
    ca ormai se l'ha scurdat pur dij,
    cert c'è rimast ancor gent onest,
    ma sul chi è disperat cca ce rest...

    cert, è chien e contraddizion,
    cert, ca e' chiu' fort o' ricatt do padron,
    ma ij so' nat ca', e nun me ne vogl ij,
    allor resto pe cagna' sta terra mij..

    vola, vola, vola e nun se ferm,
    cresc prepotent comm a n'istint,
    ca nun puo' reprimer,
    nun a'puo' ferma' chest'anema,
    brill o' sol 'ngopp e' facc,
    ma a'cammor c'attacc comm a' nu lacc,
    scorr o' sang rint e' ven,
    ma scorr pur l'eroin.

    Nato in periferia di questa bella città,
    malata di una malattia che è difficil a sanà,
    pecchè comm a nu cancr ca infett a tutt quant,
    e po' tant a gent s'arrang,
    comm à semp fatt e vò continuà,
    e chi s'è rutt ò cazz allor se ne và.

    cert, è chien e contraddizion,
    cert, ca e' chiu' fort o' ricatt do padron,
    ma ij so' nat ca' e nun me ne vogl ij,
    allor rest pe lotta' e cagna' sta terra mij..

     
  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:43
    Storia e' nu guaglione

    Chella ca ve conto stasera è a’ storia e nu’ guaglione,
    ca’ nonostante tutto parlava semp’e rivoluzione,
    e mentre ò munno cagnava isso restava eguale,
    e io mo’ ò canto ‘nmiez a gent, ‘nmiez all’at…

    O’ juorno e tutti e’ juorni accumenciaino e’ guai,
    à gente accumenciai a produrre chiù e chello che aveva cunsumato mai,
    e’ padrun prepotent speculaveno ‘ngopp ò sang da’gent,
    e nu’ messaggio alienante azzeccava à capa a tutti quanti..

    Crisciuti rint a quartieri arò se romme sulo,
    à guerra nun è assai luntana, cà se cammina cà paura,
    e nun basteno chiù e foss p’annasconnere e criatur,
    e nun basteno parole quando crisci senza futuro..

    Chella che ve conto stasera è a’ storia e nu guaglione,
    ca’ nonostante tutto parlava e fa a’ rovoluzione,
    riceva ca’ tutti quanti stevemo rint a stessa condizione,
    l’assenza e futuro tratto tipico e na generazione..

     
  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:38
    disperato canto

    facc' chello c' posso,
    cammino p'à strada,
    rint à stu munno ch'è fa pe' ji annanz,
    scanzanneme e' fuoss cercanno speranze.
    e ò munn è na malatij, vota e gir aggio sempe è peggio ij,
    ca' songo uno comme a tant,
    disperato canto...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

    o' ricatt chiù fort ca me putiss fà,
    e dirm accir, deruba e perseguit si vuò campà,
    ma mentr ce pens te stai già arrubbann e pensier e ò mod p'ò ffà,
    e ij so' sul un comm a tant,
    disperato canto...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

    e ogni ingiustizia è pur a mij,
    dal Chapas alla Palestin,
    ogni candido sorriso,
    che si spegne sotto un carro armato.
    il capitalismo è fatto così,
    siamo solo numeri,
    però nuj ne simm tant,
    picciò cacc'à raggia e canta...

    l'impegno ca metto rint a ogni singolo difetto,
    ca' caratterizza sta strada,
    è à contraddizione e campa' rint a nu munno sbagliat.
    ogni vvota ch'è scur e m'arricordo ca' e vvot fa' ancor paur,
    m' rest impress o' rifless r'appiccia' à LUCHA.

     
  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:26
    Canzonetta al potere

    sento disagio da tempo in ogni tempo studiando le ragioni dell’uomo,
    nel contesto più recente un elenco di motivi non distante, da quello dei miei avi…

    ci sono gli interessi, la vostra finta democrazia,
    il vostro concetto di sviluppo, legato solo all’economia,
    c’è l’arrivismo, c’è il capitalismo, la liberta’ solo del mercato…
    ma non manca la fantasia, manco la borghesia,
    forse  la liberta’ di stampa almeno solo in teoria…
    ma e’ quella d’espressione, di pensiero, di ragione
    che vien sempre più minata da una scatola illuminata,
    che del progetto criminale di far fuori tutto il dissenso,
    regola il compromesso dibbattendo solo dell’eccesso…

    spesso c’è chi resta lesso ma di tanto in tanto un crocifisso
    regala un po’ di speranza a chi vive per inerzia.

    le false idee, le finte ideologie, la repressione delle masse in tutte le liturgie,
    sempre canoniche, quasi apostoliche, il pastore dall’altare dà il giudizio da osservare
    e le pagine sempre più bianche si riempion di cazzate,
    e quand’è finita la messa che finisce sempre in rissa,
    quello che esce indenne dalla zuffa era quello in ultima fila,
    che ha concertato e concordato che lo scontro non equilibrato
    fosse poi trasformato in un epico episodio.
    bisogna criminalizzare chi lotta contro il potere
    perché c’è rischio che la rabbia non possa essere contenuta da una cella,
    c’è bisogno di rinforzi, visto che ne siamo molti
    ed è per questo che lo standard e metterci gli uni contro gli altri.

    c’è l’alfa, c’è l’omega, c’è la dignita’ e chi la piega,
    un dittatore e la sua stregua manca solo una tregua…
    c’è una terra di nessuno che qualcuno ha requisito,
    qualcun altro fa’ da cassa mentre la gente ci si ammazza,
    con la scusa del passato e l’appoggio della nato,
    ha distrutto e sterminato commettendo ogni reato.
    c’è la verita’ e poi quello che ci raccontano,
    il rischio grande e’ che ci convincano,
    grazie ad una scatola illuminata attraverso la quale ci controllano…

    spesso c’è chi resta lesso ma di tanto in tanto un crocifisso
    regala un po’ di speranza a chi vive per inerzia.

    cerco ancora nuove parole per raccontare vecchie storie
    che continuano ad agire sotto gli occhi di chi tace,
    le nuove generazioni, le nuove tecnologie,
    nuovi servi, nuovi strumenti ma vecchie monarchie,
    oggi manco tanto nascosti,
    non viaggiano più in mezzo ai boschi,
    fosse solo perché ormai li hanno venduti quasi tutti,
    la carrozza oggi è di metallo con assai più di qualche cavallo,
    col telaio rinforzato e il copertone rivestito ma resta sempre il blu il loro colore preferito.
    comandan grandi eserciti e giocano a far la guerra,
    non colonizzan più paesi, non allargano i loro confini,
    ma fanno opere affini a tutti i cittadini,
    chi si ribella è già perduto, perché di plexiglass lo scudo
    mentre il materiale dei manganelli assomiglia a quello dei martelli,
    sempre molta attenzione all’appoggio nobiliare che oggi per mestiere fa il banchiere.

    sento disagio da tempo in ogni tempo studiando le ragioni dell’uomo,
    nel contesto più recente un elenco di motivi non distante da quello dei miei avi…

    ci son padroni, ci sono schiavi, ci sono cose che si rovescian solo con le mani,
    ci son i sinonimi e c’è l’alternativa, c’è una parte che è ancora viva,
    c’è l’imu e pure l’iva, c’è di ribellarsi una necessità istintiva…

     
  • 07 gennaio 2013 alle ore 10:18
    C'ho l'amore

    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questa malattia del cuore,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    le parole, le parole, servon a poco per spiegare,
    son malato da morire…
    c’è chi duole, c’è chi tace, chi differenzia e vuol decidere,
    ma l’amore non conviene,
    non conviene con la chiesa che ne fa del cielo ascesa
    e fomenta ancora odio per chi dell’amore non fa stereotipo,
    non conviene con quelli per bene che reprimon la passione,
    si l’amore, quello vero, non conviene…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questa melodia che esplode,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    quell’odore, quell’odore, che ricorda prati in fiore,
    qui disteso potrei morire…
    non si finge, non mi convince, chi confonde e poi riflette,
    perché l’amore è un’azione fatta senza senza nazione nè differenza alcuna,
    nell’agire so di amare,
    e chi soffre, chi rimpiange, chi vorrebbe dimenticare,
    si ricordi, che anche quello, è amore…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, questo quadro d’autore,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…
    quel colore, quel colore, che riempie le giornate piu’ nere,
    mi ricorda che c’ho l’amore…
    c’ho l’amore, c’ho l’amore, e non servon piu’ parole,
    c’ho l’amore, c’ho l’amore…

     
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:15
    Militante puro

    Militante puro di questa comune illusione non conosco utopia e non cerco redenzione, ma avanzo su questo terreno arido come l'ultimo baluardo di un esercito decimato dai sentimenti e dalla ragione.

    Passo dopo passo, attimo dopo attimo la mia vita viandante viaggerà di cuore in cuore e innalzerà il conflitto fino a sacrificare la propria identità perché qualcun altro tengo duro, perché si dipinga di rosso a questo muro.

    Militante puro di questa vita zingara mi rialzerò dopo ogni colpo e ricomincerò la salita prendendo forza dai miei compagni e in loro assenza dai miei sogni e non avrò paura di voltarmi e scoprire che sono cambiato negli anni.

    Militante puro di questa miliare ossessione trasformerò tutto in passione e regalerò ad ogni attimo la mia attenzione. Studierò la storia di ogni pensiero e non perderò mai il senso collettivo di ogni idea.
    Militante puro di questa maledetta Rivoluzione scorrerò come il sangue per le strade. Prenderò spunto dal passato e ogni giorno preparerò la vittoria del domani.

     
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:14
    Tornerò a letto...

    E' già l'alba, oppure è ancora pesto?
    Stavo dormendo, non capisco,
    e poi dov'è finito tutto il resto?
    Si son svegliati, son partititi e di me si son dimenticati?

    Faccio presto, apro una finestra.

    Fuori è come se piovesse,
    ma il sol levante aldilà del fumo,
    filtra oltre la pioggia, è giunto ormai il mattino.
    E' ormai ora di andare, ma nessuno mi è venuto a svegliare.

    Faccio presto, infilo una scarpa.

    Sul cammino, fogli sparsi e un po' di vino,
    li avevam presi per sognare meglio
    e per dormire sollevati dal cuscino.
    Guardo meglio, tutt'attorno immobile il contorno.

    Fermi tutti, tanti ancora dormono.

    Vuoi veder che quel frastuono,
    che ha fatto il sol nello spuntar,
    non tutti l'hanno udito? Nessuno l'ha sentito!
    Avvilito quasi demordo, son da solo ad esser sveglio?

    Fermi tutti, serve una sveglia.

    Cerco intorno, frugo veloce,
    l'armadio è pieno di cose da buttare,
    soprattutto quel vestito atroce,
    cucito apposta per sembrare.
    Sotto le cianfrusaglie, qualcosa da dimenticare, tutto regolare.

    Penso che impazzirò.

    Butto tutto all'aria, cerco di farmi spazio,
    la corrette spinge indietro ma non mi arrendo,
    cerco ancora un campanello ma dietro un libro c'è un megafono,
    ma di che parlo? Son io la sveglia che annuncerà il nuovo giorno!

    Penso che...

     
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:12
    Napl

    Napl, già te vec mentr sceng e' scal, aret a na' fenest annascunnut,
    a ppier o' mar stesa 'ngopp a na' sagliut.
    O' ciel t'assumigl, na' luc' se stut 'nmiez a tant at appicciat,
    e mentr sceng stu penzier me fà passà a' pazzarij...nun te chied nient,
    nient r'eccessiv,nient ca nun putiss fà,
    ossac ca ij song un comm a tant, ma tu sì una sola,
    e staser me sierv sul tu.
    Ma c't' custass, a te ca si grand,
    e m'arregalà na' cascat e stell pà culurà e' capill,
    nun è nient, pè tte foss fessarij,
    accarezzà o' mar comm foss na' tavl e fermall sott o' ciel,
    mentr ij le ric ca è a' vita mij.
    Adduormet 'ngopp a stu cuscin e suonn,
    pe' cchi nun se l'ha vennut e rest ancor cà,
    astrignet o' tiemp e nun ò fà passà,
    foss pur sul nu minut e cchiù,
    pe' mme perder rint a cchill'uocchi comm me perd guardannete a tte.
    E mentr t'adduorm, dince o' vient e passà senza fà rummor,
    accussì ca me sient mentre 'nce facc' l'ammor,
    e nun te preoccupà si a' terr tremm, è o' core che sbatt,
    'nmiez a chest'onn.
    E quand se fà matina e spond o' sol, fatt accarezzà comm s'accarezzen è sciùr,
    cu' na' lenz e luc' stracc' o' scur accusì ca le pozz arregalà tutt e' culur.

     
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:09
    Il principe

    Sto preparando un’epica demenza sulle sponde del malpensante
    per rispondere col fuoco amico ad una richiesta d’aiuto…
    Non ho mai creduto alla fortuna,
    finché non mi sono accorto di essere molto sfortunato,
    ma ho lottato, contro i mulini a vento e i venditori di fumo
    finché non sono stato truffato da un sogno ad occhi aperti…
    tornare ad abitare in un monolocale a piano sfalsato è stato difficile,
    soprattutto dopo aver costruito castelli in aria per un bel po’…
    sono un principe e devo fare i conti con la fortuna…
    se mi chiederai di restare me ne andrò,
    se mi chiederai di restare ti caccerò,
    se mi chiederai di restare penso che resterò…
    son bravo con le parole, meno con le bugie
    ma mi concedo spesso delle fantasie…
    la fortuna è relativa,
    è come stabilire chi è nato prima, l’uomo o la gallina…
    son stato fortunato fino e qui,
    mi dissi nascendo,
    non  sono figlio di un servo…
    sono un principe e devo fare i conti con la fortuna,
    ma non avevo calcolato di essere molto sfortunato…
    l’amore lenisce il dolore che viene
    quando ti accorgi che è tutto virtuale,
    come questo sentimento,
    come il sesso che stiamo facendo,
    ma anche questo è relativo,
    è come stabilire se la rivoluzione passi o meno dal parlamento,
    nel frattempo voto, tanto poi me ne pento…
    sono un principe e devo fare i conti con la sfortuna,
    le macchie che non vanno via sono quelle d’inchiostro,
    quelle che lavi erano di passaggio,
    ma anche le macchie sono relative, che dire,
    è come credere che esistano anche quelle grigie oltre a quelle bianche e nere…
    sono un principe, il principe della sfortuna,
    e se mi chiederai perché,
    ti risponderò che è sfortuna anche quella
    e sarò fortunato se mi crederai…
    sono il principe della sfortuna e devo fare i conti con me stesso.

     
elementi per pagina
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:37
    Il cronocapitalismo

    Come comincia: Non resta molto tempo. Certo il tempo è un concetto relativo come l’infinità dello spazio, la stupidità dell’uomo. Però una cosa è certa, il tempo è poco. Certo, non ne abbiamo mai avuto molto, applicati come eravamo a far girare il mondo, l’economia, le lancette degli orologi…già perché è tutta lì la questione: i secondi sono bloccati dietro le lancette degli orologi, ma quando s’inventarono la storia della privatizzazione del tempo, questo, non l’avevamo capito. Pensavamo a una burla, di certo qualche giornalista satirico abbastanza fantasioso si era inventato la storia del ministero del tempo e del generale dell’esercito addetto al sequestro degli orologi. Invece era tutto vero. Prima cominciarono col cancellare ogni cosa che ricordasse un orologio: dalle tv, da internet, dai campanili, dalle cucine delle case iniziarono a mancare quei numeretti che scandivano le giornate di tutte le persone. E’ stato un grande errore, ma davvero all’inizio credevamo che fossero impazziti e che prima o poi sarebbero rinsaviti…e poi a noi altri non dispiaceva liberarci dalle “catene del tempo”. Ma ci sbagliavamo di grosso. Se non conoscevi l’ora esatta, non potevi andare a lavoro ne tantomeno smettere di lavorare, i corsi all’università non cominciavano, i treni non partivano, le giornate non terminavano. Poi uscirono i primi abbonamenti a tempo determinato, pagando potevi conoscere l’ora esatta e uscire da quel buco spazio-temporale in cui il mondo sembrava essere caduto. Certo, non tutti potevano permettersi quegli abbonamenti, ecco perché le prime pratiche di disobbedienza furono scrivere su internet l’ora esatta e alle manifestazioni per liberare il tempo portare grandi timer che segnavano l’ora. Fummo repressi con una violenza inaudita, le cariche, quelle, come al solito arrivavano puntuali. Iniziammo a insegnare alle persone a regolarsi con la luce del sole, ma molti furono arrestati. Poi le cose peggiorarono: anche i calendari vennero sequestrati! Sicchè ora non conoscevamo neanche che giorno della settimana fosse, che mese, che anno. Anche il papa si espresse favorevole alla cosa, perché: “il giorno del signore, come dice il libro sacro, arriverà come un ladro. Nessuno, tranne Dio Padre, ha diritto di sapere che giorno sia!” – Puttanate. Tutte le attività commerciali aumentarono i prezzi per potersi permettere un orologio, molte fallirono, altre si accorparono, la gente moriva di fame nelle migliori delle ipotesi, iniziò una guerra civile, i morti non si contavano. Poi spuntò la prima banca del tempo, immaginate un eterno limbo in cui il tempo è sospeso e, al centro di esso, un ingranaggio imponente che gira vorticosamente. Spuntarono le ore a tasso zero, i mutui temporali, le carte a tempo accreditato; ma nemmeno questo gli bastava, perciò, con la sicurezza che nessuno fosse in grado di rendersene conto, iniziarono ad accorciare le ore, in modo da poterne vendere una al prezzo di due! Lo squilibrio divenne tale che molti impazzirono. Poi venne l’epidemia di cronòcrisi, una malattia che invecchiava repentinamente fino alla morte il soggetto e che si diffuse soprattutto nell’Europa Occidentale. Il fatto che potesse dipendere dalla nuova forma di cronocapitalismo fu subito smentita da tutti i media che prontamente incolparono un fantomatico ceppo virale originario del medio-oriente che, probabilmente, era frutto di alcuni esperimenti per creare nuovi armi chimiche di un gruppo terrorista palestinese – Puttanate. 

     
  • 04 gennaio 2013 alle ore 18:33
    Deep trip

    Come comincia: Sono stato in un aeroporto psichedelico dove grandi aerei senz’ali prima di atterrare salutavano i loro passeggeri, non sono sicuro se fosse un sogno o fosse reale, sicuramente era vera la voglia di viaggiare.
    Stavo ancora in disparte a pormi i miei perché quando m’imbarcai all’ultimo minuto allo scalo 23, mi resi conto di non avere né biglietto né documenti ma mi chiesero soltanto quali fossero i miei intenti.
    Risposi che avevo bisogno di andare e che non avevo più ragioni per restare ma, quell’hostess affascinante, prima di partire, mi disse che per farlo dovevo lasciare la mia parte razionale.
    Così presi solo la mia voglia di cambiare e mi avviai verso un grande portellone; chi sa se sarei mai ritornato.
    Mi attendeva a motori spenti, un aereo dai contenuti interessanti, arancioni i sui rivestimenti, non distinsi subito quali fossero i passeggeri e quali i dipendenti.
    Scelsi il mio posto vicino al finestrino per poter ammirare l’ultima volta i cieli del vecchio destino, e mentre mi distraevano le mie considerazioni, mi si sedette vicino un venditore di illusioni.
    Mi raccontò la sua storia e mi volle rivelare, che il più grande affare della sua professione lo aveva fatto vendendo all'uomo una religione, poi col tempo si era specializzato ed ora vendeva ideologie al mercato.
    Mi stancai quasi subito dei sui racconti, e mi persi guardando fuori.
    All'esterno si accendevano i colori ed un arcobaleno faceva da linea di confine a ere ormai finite ed ere senza fine, e mentre col pensiero volavo verso il sole pronto al tramonto, mi resi conto che l’aereo atterrava e decisi di atterrare anch'io.
    Mi ritrovai in un paese dove le persone per comunicare non usavano parlare, si guardavano e in un attimo,sapevano che cosa l’altro volesse dire. Si racconta che quel paese fosse l’unico sulla terra che non ha mai conosciuto la guerra, e solo dopo ho capito che se non hai bisogno di parlare per comunicare, è praticamente impossibile litigare.
    Feci il turista e fui felice di scoprire, che non avevi bisogno di moneta per acquistare, tutto era di tutti e se volevi mangiare, bastava far capire al cameriere che avevi tanta fame. M’innamorai di una ragazza che per mestiere dipingeva i petali ai fiori, ma per la mia difficoltà a comunicare in quel modo senza insegnamento, appresi che avrei dovuto faticare per svelarle il mio sentimento.
    Così le regalai un fiore trasparente sperando di conquistare il suo cuore e andavo da lei a tutte le ore, fin quando capì e ,mano nella mano, andammo lontano. Mi portò in un campo di viole gialle e, su di un prato celeste, facemmo l’amore; mi strinse forte e guardandola negli occhi mi face capire che soffriva perché sapeva che sarei dovuto ripartire.
    Prima di andare mi regalò una stella da far volare, e le promisi con un occhiata, che l’avrei liberata in un posto che sempre me l’avrebbe ricordata, e mentre da lontano salutavo per l’ultima volta il mio grande amore, dal petto la stella mi scivolò dentro il cuore.
    L’aereo riparte e non c’è tempo per dire, forse sarebbe stato bello restare, ma le cose finiscono e in fondo cosa puoi fare, la vita continua, c’è tanto da fare.
    Un altro viaggio, un’altra destinazione, come la vita che passa e và in un’altra direzione.
    L’aereo vola e senza dir niente, si avvia verso il cielo dell’oriente. Di solito scrivevo poesie, ispirandomi al cuore e alle sue melodie, ma fu in quel posto in cui i suoni creavano emozioni, che scrissi per il cuore nuove canzoni. In questo nuovo posto grandiose moschee spargevano in ogni direzione il loro riflessi dorati, dando la sensazione di esserne inondati. Guardai affascinato quegli aurei filamenti, e notai un uomo che con essi costruiva strumenti, e i frammenti di luce che avanzavano dalla produzione, li vendeva ai passanti in ampolle di vetro a mò di lampione. Mi avvicinai e trovai il coraggio per chiedergli perplesso, perché vendesse soltanto qualche piccolo riflesso; gli fui simpatico e dove nessuno poteva vedere, mi mostrò quello che i suoi strumenti erano in grado di fare. Suonando con strane posizioni, ogni strumento generava un’emozione, uno suonava odio, un altro compassione, ne aveva uno per ogni occasione, ma mi disse sconfitto, con grande apprensione, che purtroppo era in difficoltà perché non riusciva a farne uno che suonasse amore. Pericolosi se finissero in mani sbagliate, preferiva vivere di poche monete, vendendo ampolle di luce ai turisti, cercando di trovare un rimedio ai giorni più tristi.
    Lo abbracciai e gli dissi che dovevo andare e lui decise che una cosa me la poteva regalare, aprì la sua borsa da cui fuoriuscì un gran bagliore, ed estrasse uno strumento a forma di pennello con il potere di cambiare in meglio ciò che non era bello. Nascosi il pennello e me ne andai sentendomi diverso, come non lo ero stato mai. Al ritorno il viaggio fu tremendo, nella testa mi struggeva un forte lamento, forse era il vento che piangeva per lo spavento davanti alla crudeltà dell’uomo e del suo tempo. Trovai all'aeroporto la mia parte razionale ancora a guardare fuori e porsi i suoi perché ma decisi di lasciarla e tornare a casa.