username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Francesco Giuliano

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Francesco Giuliano

  • 15 dicembre 2012 alle ore 10:11
    Immaginazione

    Mimos, mimo, mimago, imago
    vocis imago,
    desiderata eco che mi conduce a te,
    o caro amor mio,
    alla tua immagine tanto graziosa,
    tanto vogliosa,
    stimolante l’ipofisi
    fonte di immaginazione,
    seme transitorio di vitalità,
    di eccelsa eccitazione,
    di tristezza,
    anche di felicità.
    Immaginazione,
    umbra et imago,
    o caro amor mio,
    ombra e assieme simulacro di te,
    ombra mentale sensoriale,
    simulacro, fonte di astrattezza,
    germe dell’idealità.
    Immaginazione,
    confusione di ruoli,
    divina miscela infusa,
    grato incesto mentale
    del reale col virtuale.
    Immaginazione,
    pretesto soggettivo
    di tremuli sussulti
    e di forti emozioni.
    Immaginazione,
    linfa fertile sentimentale
    che mi trascina a te,
    che mi fa odorare
    ogni cosa di te,
    che mi fa baciare
    ogni tua cosa.

  • 13 dicembre 2012 alle ore 8:50
    Amo Amore

    Erravo ramingo
    come un navigante
    tra i furiosi flutti vagante,
    sprofondato nei miei grigi pensieri.
    Mi apparve Amore
    all’improvviso,
    pari ad una fulminea saetta,
    poi simile a faro luminoso,
    mi indicò la retta via!
    Attonito, stupito,
    muto, sbalordito,
    stordito, turbato,
    restai.
    Un tremolio
    il mio corpo intero
    permeò.
    Era Amore
    che con il suo dardo dorato
    un turbamento
    nel mio cuore
    aveva eccitato.
    Subito amai Amore
    per  tanto intenso fervore
    procurato.
    Anche dopo amai Amore
    per  l’inusitato ardore
    originato.
    Amai Amore, dunque,
    con veemenza
    perché di te mi faceva assaporare
    l’intima essenza.
    Amai Amore
    perché mi guidò
    come un dio
    tra gli dei
    nell’Olimpo.

    .

  • 12 dicembre 2012 alle ore 12:24
    Trasparenze

    Trasparente,
    come l'acqua quieta di uno stagno,
    sei.
    Trasparente,
    come l'acqua limpida e fresca di un ruscello
    che scorre tumultuoso
    sui variopinti ciottoli da essa levigati,
    sei.
    Trasparente,
    come il velo setoso e morbido
    che avvolge delicatamente il tuo corpo
    sei.
    Trasparente,
    come la diafana veste 
    che apre agli occhi
    le tue calde e sensuali membra,
    ondulate leggermente
    come il profilo del mare,
    sei.
    Delicata, amabile,
    seducente, affabile,
    maliziosa, provocante,
    odorosa, olezzante,
    sei,
    e il cuore mi si agita
    nel petto
    appena io ti ammiri,
    amore mio.

  • 11 dicembre 2012 alle ore 7:52
    Rosso

    Rosso come il fuoco che lingueggia
    rosso come la brace che scintilla,
    rosso come il ferro rovente,
    rosso come il magma che schizza,
    rosso come la lava che scorre,
    rosso come il sangue
    che fluisce nelle vene,
    rosso come il tramonto
    che vira al verde,
    rosso come l'alba
    che annuncia un nuovo giorno,
    rosso come le tue labbra fulve,
    rosso come il cuore che batte forte,
    rosso come la porpora vermiglia,
    rosso come la passione che provo per te.

  • 24 novembre 2012 alle ore 8:27
    Amo

    Amo amare,
    amo te, amore mio
    amo te perché mi ami
    amo il tuo sorriso
    amo i tuoi sguardi
    amo le tue dolci parole
    amo le tue carezze
    amo quando mi sfiori,
    amo quando ti arrabbi
    perchè dopo ti rassereni,
    amo quando mi odi
    perché subito dopo mi sorridi.
    Amo l’alba
    amo chi ama l’alba
    amo i tramonti
    amo chi sa cogliere nel tramonto il raggio verde
    amo la natura
    amo chi della natura sa cogliere l’essenza
    amo chi rispetta la natura
    amo l’arte per la sua forza rigeneratrice
    amo dell’arte soprattutto il cinema
    amo chi mi ama
    perché moltiplica il mio amore
    amo chi non mi ama
    perché il mio amore lo stravolge
    amo chi mi apprezza
    perché mi fa sentire bene
    amo la vita
    amo chi ama la vita.
    Amo le Eliconie tanto care ad Apollo
    amo Talia festiva
    amo di Melponene il canto
    amo di Tersicore la danza
    amo di Polimnia gli inni
    amo di Urania l'amore per il cielo
    amo di Clio l'amore per la storia
    amo di Calliope la poesia
    amo di Erato il desiderio d'amare
    amo soprattutto Euterpe che con il suo flauto
    dà allegria all'umana gente.
    Amo la parola “amo”
    perché si pronuncia in un attimo.
    Amo la parola “amo”
    perché nella sua cortezza
    racchiude l’infinito.

  • 23 novembre 2012 alle ore 10:24
    Estasi

    Ascoltando le sublimi
    note da Orfeo concepite,
    effuse dalle corde vibranti
    di una dolce chitarra
    raccolte con dovizia dall’aria
    e protese nell’aria con generosità,
    con gli occhi chiusi
    immerso tra i colori estremi
    di un variopinto tramonto
    di un pallido autunno
    alzai lo sguardo verso il cosmo
    dove regnavano
    serenità, limpidezza, trasparenza,
    soprattutto armonia
    generata da naturale simmetria,
    lontano dalla bassezza
    e dal grigiore umani.
    Mi incantai
    e desiderai di me
    ogni cosa
    che dottamente
    avevo innalzato.
    Scoprii di me
    mentre assaporavo,
    guidato soavemente
    dall’amico Morfeo,
    quelle dolci note
    la mia colta gradevolezza
    mista a raffinatezza
    ricercatezza direi,
    apprezzai poi
    con un pizzico di
    scaturigine ironica
    la mia polla romantica.

  • 22 novembre 2012 alle ore 15:25
    Bivio

    Un giorno trastullandomi
    all’ombra delle fronde spoglie
    dei robusti e folti alberi
    di una selva a sprazzi illuminata
    dai deboli raggi solari
    con la mente tra pensieri fissi
    improvvisamente
    innanzi ad un insolito bivio capitai.
    Due targhe vi segnalavano
    da una parte “vizio”
    dall’altra “virtù”.
    Come un novello Eracle
    allora mi considerai
    e del problema alla soluzione aspirai.
    Preferenza subito  da fare non capii.
    Allora dei tempi di scuola mi ricordai
    di queste parole il senso:
    “vizio” dalla retta via devia!
    “virtù” l’uomo nobilita
    e forza e valore gli dà!
    Al  “vizio” ricorrono  i sensi
    mentre la “virtù” al soffio vitale vigore dà.
    A pensare mi misi
    e come Eracle
    sulla strada della virtù m’avviai.

  • 21 novembre 2012 alle ore 8:38
    Ricordi emotivi

    Emozioni provai
    quando lessi
    il tuo strambo nome.
    C'era alcunché
    che mi trascinava a te.
    Con un grato sorriso!
    Emozioni provai
    per la prima volta
    quando mi scrivesti
    un’asserzione sospesa
    che voleva dire e non dire.
    Pensai a ciò che il cuore
    mi voleva sussurrare.
    La decifrai
    e scoprii
    tutta l’attrazione
    che ti conduceva a me.
    Emozioni provai
    quando con te
    incominciai
    a motteggiare
    quei bizzarri sbigottimenti
    immotivati alla sembianza
    che dall’animo
    genuinamente sgorgavano.
    Euritmici e armoniosi all’anima
    come ambrosia
    al palato.
    Emozioni provai
    tante volte
    che petulantemente
    mi sedussero violentemente.
    Emozioni
    di un tempo remoto
    dolci al pensiero
    che lasciano il posto
    al salato ormai.
    Ora e
    per sempre.

  • 18 novembre 2012 alle ore 12:03
    Il vecchio

    Quel dì osservai  il tramonto,
    adagiato su un irto scoglio,
    nell’attimo in cui il rosso verde appare,
    ascoltando in una conchiglia
    la voce del dio del mare,
    che con dire mesto e mite,
    simile al vento,
    mi sussurrò
    “Vecchio che vuoi? 
    Vecchio che cerchi?
    Vecchio che fai?"
    “Tanti anni son passati già
    da quando altalenando
    tra innamoramenti e amori
    beato ti trastullavi.
    Il tuo tempo è trascorso
    ormai.
    I sentimenti amorosi
    donare ai giovani devi,
    altrimenti grandi angosce
    il tuo animo patirà
    nella triste solitudine
    che la vecchiaia ti riserverà”.

  • 18 novembre 2012 alle ore 8:47
    Pensiero

    Un pensiero assillante rivolto a te
    continuamente,
    mi stringe come in una morsa,
    mi attanaglia,
    non  mi dà parole,
    quei  verbi che vorrei dirti,
    che vorrei sussurrarti,
    che vorrei bisbigliare,
    come una fisima
    insistentemente
    i battiti del cuore mi fa ampliare
    e io soffro,
    mi tormento, patisco,
    e non so cosa fare.

  • 17 novembre 2012 alle ore 15:23
    Autunno

    L’autunno, ormai avviato,
    rende quiete le acque
    dopo la tormentosa tempesta,
    rovinosa,
    distruttrice d’ogni cosa.
    Senti il silenzio
    vagando sotto le fronde che
    via via si spogliano?
    Avverti  il crudele commiato finale
    delle foglie che staccandosi
    fendono dolcemente l’aria
    e rendono il terreno soffice e leggero,
    morbido, spugnoso, carezzevole, nutriente?
    Osserva gli splendidi colori rosso, giallo,
    arancione, viola, lilla,
    fusi  e divisi con rara astuzia dalla Natura,
    coprenti lo speranzoso verde, avviso di rinascita
    che ci sarà!
    Odora l'aria colma di quel piacevole effluvio intimo
    di foglie marce!
    Assapora il particolare gusto accattivante
    dei funghi!
    Sfiora la fresca rugiada che rende turgida
    l'erba fresca!
    Senti quel fervore travolgente che attanaglia
    il mio cuore?

  • 17 novembre 2012 alle ore 9:18
    Un pensiero greve

    Un pensiero greve,
    indigesto, fastidioso,
    finanche molesto,
    è balenato
    nella mia mente,
    come una saetta,
    fulmineo.
    Stordendomi.
    Di stucco sono risultato
    immobile, fisso,
    sbigottito, turbato,
    in quel pensiero ostinato.
    L’assenza dei  tuoi pensieri immediati
    l’assenza delle tue parole
    l’assenza delle tue emozioni
    l’assenza di te,
    Kaos  crudele  barbaro acerbo spietato
    in me un torvo pensiero crudo
    di carenza ha concepito.
    Povero animo mio!

  • 16 novembre 2012 alle ore 9:04
    Passione

    Pathein, pathos, passus, patire,
    passione,
    sì, passione!
    Passione d’amore!
    Passione che turba l’animo
    afflizione che strugge
    tormento che avvince
    patimento che logora
    spasmo che genera nel cuore
    solchi profondi,
    insanabili,
    gravi,
    grevi,
    commozione estrema che addolora,
    altalenando gioia e dolore
    come un clown
    che amoreggia a far dispetti.

  • 15 novembre 2012 alle ore 10:52
    L'attesa

    Tutta la notte
    in dormiveglia
    di declamare ho sospirato 
    il tuo verbo intensamente bramato
    prediletto ognora,
    consolante ancora,
    dolce come ambrosia
    armonioso come una musica mite
    focoso come un tango.
    Ogni pensiero
    incessantemente
    rivolto a te,
    alla tua calma
    mista a stizza,
    alla tua voglia
    di fare e di costruire
    un mondo migliore,
    il logos mi  ha sconvolto
    e Psiche coinvolto.

  • 14 novembre 2012 alle ore 12:46
    Epicuro

    Epicuro,
    grande faro dell'uomo,
    leso nella tua dignità
    secoli orsono,
    moderno e utile oggi
    il tuo pensiero appare!
    Guida sei al senso della vita,
    con sentimento di piacere,
    eccelsa virtù.
    Appaghi  l’uomo nel  vivere
    ogni momento, simil a raggio verde, 
    come fosse l'estremo,
    staccato da ogni ansia futura.
    Con l’atarassia e l’aponia,
    lo rendi libero,
    lo induci, edotto dei suoi limiti,
    ogni pregiudizio a rifiutare,
    il mondo a padroneggiare
    con il soffio che batte.
    Con la scienza del canone
    lo indirizzi nel pensare e nell'ordire,
    lo educhi a fuggire
    dall'afflizione
    salvando l’anima
    tormentata dalla passione.
    Fai, alfin, capire
    che della morte insensibile,
    paura non si può avere.

  • 14 novembre 2012 alle ore 8:43
    Risveglio

    Che dolce risveglio
    mi ha serbato
    questo nuovo dì!
    Alba tinta, fresca,
    premurosa,
    florida, vigorosa,
    con le porte aperte
    alla chiara Aurora,
    recitata dal grato cinguettio
    di un nobile passero,
    accoccolato sul tetto
    che assaporava
    la tua rigenerante luce
    rinascente.

  • 13 novembre 2012 alle ore 11:22
    Alessitimico

    Alessitimico vorrei essere
    per non pensarti.
    Alessitimico vorrei diventare
    per  non penare.
    Alessitimico vorrei essere
    per fuggire da te,
    novella Circe.
    Alessitimico vorrei divenire
    per non subire
    passione frenetica
    che mi strugge il cuore.
    Alessitimico vorrei essere
    perché l’animo diventi 
    una rocca
    in cui tu, pathos,
    non puoi entrare.

  • 13 novembre 2012 alle ore 9:36
    Parole

    Parole, parole, parole,
    verbi come vento
    fastidiosi come Noto
    pari ad Apeliote insopportabili
    piacevoli gemelli di Euro
    frizzanti simili a Borea
    come Zefiro ammalianti.
    E, molesti,
    insoffribili,
    incantevoli,
    freschi,
    seducenti,
    come il vento volano via,
    inghiottiti da Kaos,
    trasportati non si sa dove.
    E non rimane che lo sconforto
    di quel sogno che portano con sé.

  • 12 novembre 2012 alle ore 15:49
    Euterpe

    Euterpe,
    o Musa a me cara,
    figlia di Zeus e Mnemosine,
    tu riveli concordi
    gloria e ricordi.
    Sei colei
    che mi reca gioia e allegria
    ed io per questo t’amai
    e t’amo ancora,
    ti venerai
    e ti venero ognora.
    Musica e poesia
    esaltano le tue passioni
    che trasmetti a me
    ogni volta che suoni
    il tuo armonioso aulos
    e canti.

  • 12 novembre 2012 alle ore 12:25
    Spoglia sei

    Spoglia sei.
    Ogni cosa lasciasti,
    ti denudasti
    per  vestirti del suo amore,
    che ti infatuò.
    Passati tanti anni ormai
    ancora spoglia ti ritrovi,
    sospesa, in bilico,
    bloccata.
    Cerchi la luce
    che solo il raggio verde
    ti può dare.
    Tu non ascolti e
    langui nell'attesa infinita
    rimembrando il tuo dolce passato,
    gioendo del bel tempo che fu,
    malinconia t’apprende,
    una fitta ti permea
    e incerta appari.

  • 11 novembre 2012 alle ore 12:17
    Gelosia

    Turbamento, inerzia,
    poi silenzio
    Sguardi aggressivi,
    sguardi litigiosi,
    poi ancora silenzio.
    Nei tuoi occhi,
    nei tuoi gesti,
    nelle tue parole,
    ora afflizione, ora irruenza,
    poi delusione mista a veemenza,
    L’umiliazione sfocia in violenza,
    dispiacere, malumore,
    inquietudine, rabbia,
    gelosia d’amore.

  • 09 novembre 2012 alle ore 15:28
    Aspettando domani

    Profondamente
    aspettando domani
    il segno di te
    si intensifica in me
    la tua ombra fumosa
    netta m’appare
    il cuore bussa forte
    e non si quieta
    la mente è fitta
    delle orme
    che hai tracciato
    nell’anima mia.

  • 09 novembre 2012 alle ore 9:34
    Un grappolo d'uva

    Un rigoglioso grappolo
    d’uva color rosso acceso
    pieno di vigore e di passione
    colpì la mia sensazione
    la vista prima di ogni cosa
    l’olfatto ovviamente
    la gola poi
    il tatto anche.
    Lo colsi dalla generosa vite,
    lo fiutai
    gli acini turgidi ne mangiai
    pian piano li assaporai
    ad uno ad uno li gustai
    sapore di ambrosia
    capriccio di fragolina
    spirito di mora e di mirto assieme.
    Quanta felicità
    l’animo mio avvinse,
    ma al finir  tanta tristezza
    lo strinse.

  • 08 novembre 2012 alle ore 16:16
    Offesa sei

    Offesa sei
    ma non volevo.
    Offesa sei
    e mi dispiace.
    Offesa sei
    e il mio animo non si dà pace.
    Offesa sei
    e il mio cuore vagisce.
    Offesa sei
    e ti chiedo scusa.
    Succede a volte che
    si dà voce a frasi
    che vengono svisate. 
    Succede a volte che
    quel pensiero
    non sia rivolto a te.

  • 08 novembre 2012 alle ore 8:24
    Taci

    Taci per un dissenso
    Taci perché ti ho stupito
    Taci perché ti ho tradito
    Taci perché ti ho amato
    Taci perché ti amo
    Taci perché non ti ho capito
    Taci perché ti ho sorpreso
    Taci perché hai corso
    Taci quando baci
    Taci quando hai voglia di baci
    Taci quando mi brami
    Taci quando non mi aneli
    Taci quando sei stanca
    Taci quando ti tormenti
    Taci quando ti consoli
    Taci quando dissenti
    Taci, così mi piaci.