username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Giuliano

in archivio dal 13 set 2011

Idria - Italia

segni particolari:
Barba bianca e capelli radi. Scrivo e pubblico articoli di Didattica della chimica in "CnS" (SCI) e in "Scienze & Ricerche" (AIL), in www.latinainvetrina.it, in www.buongiornolatina.it e in http://educa.univpm.it. Aborro la separazione della cultura umana, che è una e una sola.

mi descrivo così:
I romanzi:I sassi di Kasmenai,Il foglio;Come fumo nell'aria, Prospett.Ed.;Il cercatore di tramonti, Il foglio; L'intrepido alchimista,SensoInversoEd.; Sulle ali dell'immaginazione,Aracne. Le poesie: M'accorsi d'amarti;Quando bellezza m'appare;Ragione e sentimento;Voglio lasciare traccia,Libr.Ed.Urso

28 ottobre 2012 alle ore 16:36

Sommelier

Un intormentimento bizzarro mi colse
ché sorseggiai un forestiero nettare
che con stupore il palato mio scosse.
Un’ardente passione pian piano mi accese.
Pareva ambrosia, tinta giallina,
che poscia mi avvinse il core,
quando un guizzo di luce da parte a parte passò
e quel tono ravvivò.
Subitamente!

Un nascimento focoso
la sua freschezza
col suo salso sapor stuzzicò
e l’animo mio allor incantò.
Un’euforia profonda
nella mia essenza,
di sorpresa,
gocciola dopo gocciola, suscitò.

Lo annusai: che fragranza fruttata!
Nel calice lo agitai,
indi, lo fiutai ancor:
captai d’acacia prelibato odor.
Lo gustai:
saporosità d’erbe notai.
Ancor lo centellinai:
morbidezza al palato ravvisai.
Il calice poi alzai
e i suoi riflessi giallognoli osservai:
che goduria alle iridi provai.

Di nuovo lo annusai: mi estasiai.
Ancor lo sorseggiai: sedotto fui.
Un'altra volta lo guardai: affascinato rimasi.

I primi verbi a trovare indugiai:
volevo bisbigliare
l’equilibrato senso
che quel nettare al bevitor
con amor infonde.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento