username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Giuliano

in archivio dal 13 set 2011

Idria - Italia

segni particolari:
Barba bianca e capelli radi. Scrivo e pubblico articoli di Didattica della chimica in "CnS" (SCI) e in "Scienze & Ricerche" (AIL), in www.latinainvetrina.it, in www.buongiornolatina.it e in http://educa.univpm.it. Aborro la separazione della cultura umana, che è una e una sola.

mi descrivo così:
I romanzi:I sassi di Kasmenai,Il foglio;Come fumo nell'aria, Prospett.Ed.;Il cercatore di tramonti, Il foglio; L'intrepido alchimista,SensoInversoEd.; Sulle ali dell'immaginazione,Aracne. Le poesie: M'accorsi d'amarti;Quando bellezza m'appare;Ragione e sentimento;Voglio lasciare traccia,Libr.Ed.Urso

14 ottobre 2012 alle ore 23:36

L’uovo cotto che rigenera

Intro: È preferibile non seguire mai i consigli dei ciarlatani perché non hanno mai avuto risultati positivi.

Il racconto

Ogni notte il piccolo Popò non riusciva a dormire. Non mangiava né a cena né a pranzo Solo la mattina sorbiva un boccale di latte fresco di capra. Si stava deperendo a tal punto, povero figliolo, che ormai aveva acquistato le sembianze di uno scheletro ambulante. Luminari d’alta fama gli avevano prescritto varie cure senza alcun risultato concreto. Per questo Totò, spinto più dalla moglie che da una salda convinzione, decise di portare il figliolo dalla fattucchiera Malia che gli prescrisse come cura l’uovo di Aquila reale che, cotto alla coque, gli avrebbe ridato appetito e forte vigore.
- Dove lo vendono? – Chiese curioso Totò.
- Si trova solo nei nidi posti sulle alte pareti rocciose del Pizzo Carbonara –, rispose con tono altero e ironico la maga.
Totò sudò freddo perché non era mai andato per calli impervi e scoscesi e perché il monte era alto quasi duemila metri, metro più metro meno.
Com’è e come non è per amore del figlio, Totò si fece coraggio, indossò coppola e scarponi, e con la bisaccia a tracolla partì. Sudò sette camicie lungo la ripida scalata. Non era un alpinista né aveva fatto il servizio militare negli alpini, lui umile scriba! Impiegò, infatti, più tempo del previsto per andare su. Faceva pochi passi e si fermava per riprendere fiato o per bere o per asciugarsi il sudore che gli grondava copioso su tutto il viso. Alla fine ce la fece e fu bravo ad individuare due nidi dove trovò in tutto due uova ancora calde che pose nella bisaccia. La fortuna aiuta gli audaci e lui era stato audace. La strada del ritorno gli parve più breve. Corse Totò per la discesa. Corse anche in paese ansioso di vedere Popò riacquistare la vitalità perduta. In un incrocio non si accorse di un carretto che cozzò la bisaccia rompendogli le due uova. Povero Totò, sfortunato Popò!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento